Ignazio di Loyola (film)

film del 2016 diretto da Paolo Dy

Ignazio di Loyola

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Ignacio de Loyola

Lingua originale inglese
Paese Filippine
Anno 2016
Genere biografico, drammatico
Regia Paolo Dy
Soggetto Paolo Dy, Pauline Mangilog-Saltarin, Emmanuel Alfonso, Ian Victoriano
Sceneggiatura Paolo Dy
Interpreti e personaggi

Ignazio di Loyola, film filippino del 2016 con Andreas Muñoz, regia di Paolo Dy.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Più di tutto, a un cavaliere servono tre cose: un Dio da servire, un re a cui obbedire e una signora da proteggere da tutti quelli che vorrebbero farle del male. A ogni ora del giorno o della notte dev'essere pronto. (Iñigo)
  • Non togliere mai lo sguardo dall'avversario. [...] Equilibrio, Iñigo, equilibrio. Tutte le battaglie del mondo dipendono da chi rimane in piedi. (Beltran)
  • Ricorda, figliolo, noi ci chiamiamo "de Loyola" e lo sguardo non lo abbassiamo. (Beltran)
  • Non esiste niente di più avvilente per lo spirito, della presenza del dolore e della noia. (Iñigo)
  • In queste pagine sono immortalate le vite dei santi prescelti da Dio, i soldati del cielo, le cui mani hanno compiuto grandi azioni nel nome dell'Onnipotente, i cavalieri del paradiso. (Iñigo) [leggendo]
  • Per un soldato, un conto è essere coraggioso, affrontare il nemico brandendo la propria spada, altra cosa è affrontare la fame e l'umiliazione affidandosi solo alla fede nella provvidenza di un Dio invisibile. (Iñigo)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Beltran: Qual è la prima regola?
    Iñigo: Respirare.
    Beltran: E se il tuo nemico è furioso, ma tu sei calmo?
    Iñigo: È come se avessi già vinto.
  • Iñigo: Come sei riuscito a fare tutto questo, Francesco? Hai rinunciato alle tue infinite ricchezze per elemosinare solo delle briciole, dalle stesse persone che una volta chiamavi "servitori".
    Francesco: Hai fatto la domanda sbagliata, amico mio. "Come" non è importante, esiste solo il "perché". Perché è questo che ha insegnato a noi il mio Signore. Ti rendi conto a che ricchezze ha rinunciato rispetto a quelle del cielo?
    Iñigo: La tua fede in Dio è più grande della mia.
    Francesco: No, non è la mia fede ad essere grande, ma il mio Dio.

Altri progettiModifica