Helmut Berger

attore austriaco

Helmut Berger (1944 – vivente), attore ed ex modello austriaco.

Helmut Berger, 1973

Citazioni di Helmut BergerModifica

  • Conosco Renato da 10 anni e mi è sempre piaciuto molto. Adesso è di moda, ma a me piace da 10 anni, appunto. È uno show-man completo. Pochissimi, per non dire nessuno, sono come lui in Italia. Lui come Rod Stewart, che fa spettacolo per un'ora e mezza, senza cedere un attimo, incatenando il pubblico. Ha scritto canzoni come «Triangolo» e «Il carrozzone» che bastano da sole a fare il successo di un cantante. È una ventata nuova in un mondo un po' vecchio come quello della canzone italiana. Logico quindi che piaccia ai giovani, assetati di novità, che i giovani lo capiscano e impazziscano per lui.[1]
  • [Il giardino dei Finzi Contini] È un film che ha vinto l’Oscar, non ne posso parlare male. De Sica era, oltre che un bravo regista, un grandissimo attore, quindi per noi era difficile… Io dovevo interpretare un personaggio ebreo e lui mi spiegava: «Devi fare così, così, così…»; gli rispondevo: «Ma io non ce la faccio a fare come fai tu, non lo so fare»; «Allora non preoccuparti: fallo nel tuo modo, come sei tu; tu ti chiami Berger, non ti chiami De Sica». Era talmente bravo… Lui era molto buffo: girava sempre nei posti vicino ai quali c’era un casinò. Io ho lavorato anche con Claude Chabrol e lui, invece, gira solo dove ci sono buoni ristoranti. È un mangione Chabrol, ama solo bere e mangiare, gli piace il vino rosso…[2]
  • Non ho rimpianti, per fortuna ho provato tutto. Ho vissuto quattro vite e sono soddisfatto di tutte e quattro. E comunque sono ancora qua.[3]

NoteModifica

  1. Dall'intervista di Cristina Maza, Perché vi piace Renato Zero?, 1979, p. 21.
  2. Dall'intervista di Davide Pulici, Intervista A Helmut Berger, nocturno.it, 11 settembre 2015
  3. Dall'intervista di Fabrizio Accatino, Helmut Berger: “Ho provato tutto nella vita, ma resto sempre la vedova di Visconti”, lastampa.it, 28 Aprile 2019.

FilmografiaModifica

Altri progettiModifica