Goran Bregović

musicista e compositore bosniaco

Goran Bregović (1950 – vivente), musicista e compositore bosniaco.

Goran Bregović nel settembre 2007

Citazioni di Goran BregovićModifica

  • L’Europa e le diverse civiltà si sono formate nei secoli grazie alle grandi migrazioni. Con l’accoglienza, il patrimonio storico, culturale e umano, ci si arricchisce: ci sono persone che fuggono da guerra e povertà, ma con un’intelligenza e spesso una preparazione che possono arricchire i nostri Paesi. Uno dei più famosi uomini al mondo, Steve Jobs, era figlio di un emigrato siriano. I profughi sono una ricchezza, non portano solo problemi.[1]
  • La musica balcanica piace, non solo perché fonde stili diversi, ma per l’apertura mentale che la rende tale. È sempre esagerazione, qualcosa che va oltre per scoprire nuove emozioni. Per i popoli dei Balcani la musica non basta mai, c’è sempre bisogno di un po’ di pazzia, di follia. Che senso avrebbe essere normali se non si è anche un po’ pazzi per affrontare la vita? Le bande degli ottoni gitani, con le loro musiche per matrimoni e funerali, esprimono proprio questo sentimento che va oltre la normalità. Per questo dico: se non è pazza, la musica non è normale... abbiamo tutti bisogno di un po’ di follia![1]
  • Sono e sarò sempre profondamente ispirato dalla tradizione. Chi non lo è? È l’approccio più naturale per un compositore. Da Stravinsky a Bartok, da Bizet a Lennon. Io mi ritengo un compositore moderno, che scrive musica con una solida struttura che non è noiosa, il che è abbastanza raro oggi. Penso sia una sfumatura edonistica che risale al mio passato rock n’ roll. Sia che scriva canzoni semplici che complesse melodie per coro e orchestra, devo sempre divertirmi.[1]

NoteModifica

Altri progettiModifica