Apri il menu principale

Gli eredi di King Kong

film del 1968 diretto da Ishiro Honda

Gli eredi di King Kong

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Kaijū sōshingeki

Lingua originale giapponese
Paese Giappone
Anno 1968
Genere azione, fantascientifico
Regia Ishirō Honda
Sceneggiatura Ishirō Honda e Takeshi Kimura
Produttore Tomoyuki Tanaka
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gli eredi di King Kong, film giapponese del 1968, regia di Ishirō Honda, ottavo sequel di Godzilla del 1954.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • In una base sottomarina presso l'isola di Ogasawa, un gruppo di scienziati studia la vita acquatica. Nuovi tipi di pesci vengono classificati e studiati. Sull'isola, invece, sono stati riuniti e vengono tenuti sotto controllo tutti i mostri che recentemente hanno devastato la Terra; Godzilla, Rodan, Anghilas, Polluk, e Gorosaurus. Speciali apparecchiature scientifiche, studiate a secondo la natura di ciascun mostro e che entrano in funzione automaticamente, impediscono loro di lasciare l'isola. (Voce narrante)
  • Le più grandi città del mondo vengono distrutte l'una dopo l'altra dai mostri; Mosca da Rodan, Pechino da Polluk, Londra da Manda, Parigi da Baragon! Nuovo comunicato speciale; Godzilla è in questo momento a New York! (Telecronista)
  • Ascoltate bene quello che sto per dirvi. La Terra non appartiene più agli uomini. Da quando abbiamo stabilito qui la nostra base, la Terra apparterrà agli uomini e le donne di Kilaak per sempre, e se voi sarete tanto pazzi da disturbarci, morirete tutti! (Regina delle Kilaak)
  • Oggi, si prepara intorno al monte Fuji la battaglia finale. La base di Kilaak verrà attaccata dai mostri, controllati dalla nuova macchina del dottor Yoshido. La zona è sotto controllo militare, ma per il momento, i mostri non si vedono. Eccoli! Il primo sta comparendo in questo momento dietro i boschi. È Godzilla! No, non è lui, il primo è suo figlio. E dopo di lui, Godzilla! Poi Polluk! Dalla sinistra vedo apparire Anghilas, e dopo di lui, Manda! Baragon! Gorosaurus! E Spiga! In questo momento arriva Varan. C'è anche Rodan ora! Godzilla è in testa. Sembra che sarà lui ad attaccare per primo. (Telecronista)
  • Gidorà è un mostro dello spazio. I mostri della Terra non possono vincere. (Regina delle Kilaak)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Regina delle Kilaak: Vi stavamo aspettando.
    Dottor Otani: La regina vi spiegherà tutto.
    Regina delle Kilaak: Voglio che sappiate che non sono vostra nemica. È mia intenzione stabilire una nuova civiltà sulla Terra, e ho bisogno della collaborazione di tutti.
    Katsuo Yamabe: State distruggendo le nostre più grandi città e volete che vi aiutiamo?!
    Kyoko Yamabe: Katsuo! Non interrompere la regina mentre parla.
    Katsuo Yamabe: Ascoltami Kyoko...!
    Regina delle Kilaak: Ogni ordine nuovo richiede parecchio sacrificio per essere attuato. Che cosa rappresentano poche vite umane?
    Katsuo Yamabe: Poche vite?!
    Ogata: Da dove venite?
    Regina delle Kilaak: Da Kilaak.
    Katsuo Yamabe: Kilaak?
    Dottor Otani: Dallo spazio esterno. Kilaak è un piccolo pianeta nel sistema Alfa Centauri. È di li che vengono i nostri padroni.
    Katsuo Yamabe: Li consideri già padroni?
    Dottor Otani: Naturalmente. I Kilaak hanno sviluppato una tecnica scientifica troppo superiore alla nostra. Il controllo a distanza dei mostri ne è un esempio. Tentare di opporsi a loro sarebbe soltanto follia.
  • Katsuo Yamabe: I danni sono terribili.
    Maggiore Tada: Già, Tokyo è una rovina! Ma c'è una buona notizia; Abbiamo scoperto che hanno stabilito una nuova base a Hisu.
    Katsuo Yamabe: A Hisu?
    Maggiore Tada: Tutte le sorgenti si sono essiccate, proprio come è successo ad Ogasawa.
    Katsuo Yamabe: Siete sicuri che si sono stabiliti proprio li?
    Maggiore Tada: Sì. In quella zona si è stato localizzato un mostro.
    Katsuo Yamabe: Baragon?
    Maggiore Tada: Sì. Mentre tutte le altre grandi città venivano attaccate, Tokyo veniva lasciata in pace, forse per creare fra noi un clima di falsa sicurezza che consentisse loro di stabilirsi a Hisu.
    Katsuo Yamabe: Capisco. Quindi dovremmo aspettarci un nuovo attacco.
    Maggiore Tada: Certo. Ecco perché sarete voi ad attaccarli per primi.
  • Kyoko Yamabe: Quello che sono venuta a dirvi può e dev'essere udito da tutti.
    Katsuo Yamabe: Non voglio starti a sentire. So già quello che dirai.
    Kyoko Yamabe: Se tu non vuoi ascoltarmi, forse gli altri lo vorranno, specialmente i giornalisti che sono qui presenti.
    Giornalista: Bene, da dove venite?
    Kyoko Yamabe: Dalla base di Hisu.
    Giornalista: Che cosa sarebbe questa base?
    Kyoko Yamabe: È la nuova base d'azione stabilita sulla Terra dal popolo di Kilaak.
    Giornalista: E siete venuti qui per comunicarci un messaggio?
    Kyoko Yamabe: Sì. Potrete riacquistare la tranquillità e la pace se cesserete di opporre resistenza, altrimenti il popolo di Kilaak vi distruggerà. Vi distruggerà tutti con l'aiuto dei mostri.
    Katsuo Yamabe: Non so se ti rendi conto di quello che sei venuta a proporre; Di diventare tutti schiavi!
    Kyoko Yamabe: Non avete che da scegliere; O schiavi o morti!
  • Dottor Stevenson: Il loro livello scientifico è superiore al nostro, ma essi sono pochissimi. Secondo me, i Kilaak sono i superstiti di un'antica civiltà che va estinguendosi.
    Maggiore Tada: Ma non capisco. Che cosa li distrugge?
    Dottor Stevenson: Il freddo. Probabilmente il loro pianeta si va raffreddando, ed essi cercano condizioni ambientali favorevoli.
    Ufficiale: Nei nostri vulcani?
    Dottor Stevenson: Esatto!
    Katsuo Yamabe: Sì, il freddo è il loro nemico!
    Maggiore Tada: Quindi adesso sappiamo come attaccarli.
  • Kyoko Yamabe: I mostri stanno combattendo, anche se non vi è più la macchina!
    Katsuo Yamabe: Conoscono i loro nemici per istinto naturale. Ora per i Kilaak è finita!

Altri progettiModifica