Giuseppe Lipparini

critico letterario, poeta e scrittore italiano
Giuseppe Lipparini

Giuseppe Lipparini (1877 – 1951), critico letterario, poeta e scrittore italiano.

Citazioni di Giuseppe LippariniModifica

  • [Matera] È senza dubbio una delle più pittoresche d'Italia, degna veramente di essere conosciuta di più.[1]

Citazioni su Giuseppe LippariniModifica

  • Il Lipparini vive nell'atmosfera autentica e nativa della sua fantasia: atmosfera debole, ma non viziata, che nutre fiori diafani e di odore un po' sciapo, ma non fiori di carta che un profumiere abbia immersi in essenze. S'intende che il Lipparini è un parnassiano, ma forse il migliore di quanti in Italia abbiano aspirato a questo titolo, l'unico che si possa ricordare con onore quando si discorra di quel tipo d'arte cui Anatole France deve la sua rinomanza europea. (Giuseppe Antonio Borgese)
  • Questo buon sangue letterario, ma rinvigorito dal secolo, circola nell'arte di Giuseppe Lipparini. Escogitare il nuovo; almanaccare, poniamo caso, novelle stravaganti come un Hofmann[2] o un Poe gli parrebbe insolente. Ricama tranquillamente un angolo di quell'eterno arazzo dell'arte classica e classicheggiante, alzando di tanto in tanto gli occhi per sorprendere una movenza o per carpire un piccolo segreto di stile. Non ha cure politiche, né religiose né morali; non osa rifare la patria né redimere la plebe. Vuole raggiungere una bella forma armoniosa e schietta. (Giuseppe Antonio Borgese)

NoteModifica

  1. Da Divertimenti, C. Signorelli, 1930, p. 66.
  2. Ernst Theodor Amadeus Hoffmann.

Altri progettiModifica