Giuseppe Gallavresi

Storico italiano

Giuseppe Gallavresi (1879 – 1937), storico italiano.

Italia e Austria (1859-1914)Modifica

  • È risaputo che Napoleone III era un idealista, convinto che le forze morali muovono il mondo purché siavi chi sappia sfruttarle con senso pratico e con energia. Di queste doti l'uomo che seppe fare il 2 dicembre[1], la guerra di Crimea e la guerra d'Italia[2] non era certo privo, almeno finché fu in buona salute. Ora a questo autoritario democratico, salito al trono, il principio di nazionalità appariva come la formula magica, l'idea capace di rimaneggiare tutta l'Europa. Voleva attuarla in Italia sin dove gli fosse possibile, non toccando cioè Roma per la quale aveva dovuto assumere impegni opposti. Non era solo il punto d'onore che rendeva Napoleone III smanioso di procurare all'Italia il Veneto. Egli era intimamente convinto che il nuovo regno, raggiunte le sue legittime frontiere, avrebbe preso il suo posto fra le potenze occidentali e sarebbe stato un prezioso elemento nelle mani della Francia per assicurare quell'equilibrio europeo, il cui asse passava per Parigi. (Vani conati di attacchi all'Austria, pp. 38-39)
  • Il principe di Bismarck non fu unicamente uno strenuo lottatore nei parlamenti e nelle conferenze, ove la sua soverchiante volontà trionfava delle altre a lui contrastanti con ben minore energia; ma fu anche un uomo dotato di un'eccezionale chiaroveggenza che gli dava modo di abbracciare, pur nell'impeto dell'azione, i limiti che questa era fatalmente destinata ad incontrare nella stessa ipotesi di un completo successo. (La preparazione della Triplice Alleanza, p. 121)
  • All'indomani della strepitosa vittoria del 1871 [nella guerra franco-prussiana], il Bismarck era dominato dalla preoccupazione che una coalizione europea potesse formarsi ai danni del nuovo impero [tedesco] come già quelle organizzatesi contro Napoleone I avevano finito per averne ragione. Gli avvenimenti verificatisi alquanti anni dopo la morte del cancelliere[3] hanno luminosamente provato la fondatezza del suo timore. (La preparazione della Triplice Alleanza, pp. 121-122)

NoteModifica

  1. 2 dicembre 1851: colpo di Stato di Napoleone III.
  2. Seconda guerra d'indipendenza.
  3. La sconfitta tedesca nella prima guerra mondiale.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica