Apri il menu principale

Giulio Aristide Sartorio

pittore, scultore e scrittore italiano
G. Aristide Sartorio: Buoi all'aratro (1914)

Giulio Aristide Sartorio (1860 – 1932), pittore, scultore, scrittore e regista cinematografico italiano.

Citazioni su Giulio Aristide SartorioModifica

  • [In occasione della sua morte] Era un lavoratore infaticabile, di una puntualità meticolosa. Gli offrivano, in una esposizione, una sala di tanti metri. Rispondeva che, per il giorno tale, avrebbe consegnato tanti paesi di metri e di centimetri tanti, e ancora non ne aveva dipinto uno; ma arrivava, con le sue casse, all'ora promessa. Per il fregio del parlamento[1] si vantava tranquillo, di aver dipinto in novecentotrenta giorni, duecentottantacinque figure di uomini e di animali su quattrocentocinquanta metri di tela. Teneva questa tela avvolta sopra un gran rullo diritto, e la tela dipinta faceva ogni settimana un passo, come dicono i meccanici, di tanti metri, non uno di meno. (Ugo Ojetti)
  • Per lunghi anni il turbinoso vento che anima il fregio di Giulio Aristide Sartorio nell'aula del parlamento in palazzo di Montecitorio è stato sopraffatto da venti contrari. Oggi che la pittura di questo grande artista potrebbe di nuovo essere assunta da molti a modello, il nome di Sartorio resta in penombra o in luce sinistra rispetto a quelli degli artefici consacrati dell'arte moderna. (Vittorio Sgarbi)
  • Tra i pittori romani primeggia Giulio Aristide Sartorio, con vari di quei così caratteristici suoi paesaggi a tempera e con una vastissima tela, che occupa tutto il fondo della sala del Lazio e che evoca con abbastanza efficacia, malgrado la disposizione alquanto scenografica e malgrado qualche deficienza formale, specie nel primo piano, la maestà selvaggia e un po' triste della campagna romana, coi suoi immensi pascoli, coi suoi numerosi greggi e coi suoi barbuti mandriani dalle gambe coperte di pelli caprine. (Vittorio Pica)

NoteModifica

  1. Il fregio nell'aula della Camera dei deputati a Montecitorio.

Altri progettiModifica