Friedrich Ratzel

etnologo e geografo tedesco

Friedrich Ratzel (1844 – 1904), etnologo e geografo tedesco.

Friedrich Ratzel

Geografia dell'uomoModifica

  • Il problema dell'influenza che la natura esercita sulle condizioni fisiche ed intellettuali dell'uomo ebbe la meno propizia delle sorti che possano toccare ad un problema scientifico: esso venne discusso lungamente e dai punti di vista più diversi, prima che si pervenisse ad analizzarlo ed a penetrarlo intimamente coi mezzi dell'indagine scientifica. Anche oggi la sua trattazione viene fatta in modo del tutto superficiale e presenta quel carattere di indeterminatezza, quelle ripetizioni, quel ritornare su vie già abbandonate, ch'è proprio dei problemi che non sembrano avere speranza di soluzione, com'era il problema della creazione prima di Darwin, di Wallace e di Moritz Wagner. L'oscura ed esagerata affermazione "l'uomo è il prodotto dell'ambiente" vien combattuta con un'altra affermazione parimenti assoluta e di scarsa consistenza. (Opinioni relative all'influenza della natura sull'uomo, p. 290)
  • L'opposizione ad accogliere il concetto che la natura eserciti delle influenze profonde sulla storia dell'uomo trova una parvenza di giustificazione nella confusione delle cause che determinano tali influenze e nel fatto che non si può stabilire una distinzione tra influenze più o meno durature e più o meno profonde. (Opinioni relative all'influenza della natura sull'uomo, p. 290)
  • L'affermazione, che i popoli si rendano via via sempre più indipendenti dalla natura che costituisce il loro sostrato ed il loro ambiente, è senza dubbio erronea. Basta dare uno sguardo al modo come, col progredire della civiltà, e col raffittirsi delle popolazioni, va crescendo l'importanza della vita economica, per convincersi che quest'affrancamento non potrà mai essere assoluto, poiché l'attività economica dei popoli è, più intimamente di qualsiasi altra, collegata alla natura del paese ov'essa si manifesta. (Le influenze dell'ambiente fisico mutano colla storia, p. 310)
  • Frammezzo alle molte variazioni che sopravvengono, le relazioni fra società e territorio rimangono pur sempre determinate dalle due necessità dell'abitazione e dell'alimento. (Dimora ed alimentazione, p. 313)
  • [...] stupisce osservare quanto scarso conto si sia tenuto di questo ambiente fisico nello studio degli avvenimenti storici. Pensiamo quanto poco precise sono le idee che si posseggono circa il cammino che il progresso umano percorre, cammino che noi troviamo rappresentato talora come una linea ascendente, talora ondulata, tal'altra spiraliforme! Ora, di fronte a tanta incertezza, non è assai meglio rimanere allo studio d'un elemento reale, qual'è il territorio, che sta sotto i nostri piedi? (Il territorio ed il progresso, p. 320)

Citazioni su Friedrich RatzelModifica

  • Dopo il 1880, sempre in Germania e per opera di un naturalista, si giungeva anche alla sistemazione dottrinale di tutto quel complesso di indagini che si riferiscono ai rapporti reciproci tra Terra e Umanità: Federico Ratzel poneva la Geografia Antropica di contro alla Geografia Fisica e chiariva i rapporti della nuova branca, da lui sistemata, con la Geografia Biologica, che proprio allora assumeva pure largo sviluppo.
    Ma l'opera del Ratzel, anche per la sua stessa indole, fu fonte di rinnovate vivacissime polemiche intorno a compiti ed a metodi, e non contribuì per allora, come avrebbe potuto, ad attenuare il dualismo fra i due rami fondamentali della scienza, la Geografia Fisica e la Antropica. (Roberto Almagià)

BibliografiaModifica

  • Friedrich Ratzel, Geografia dell'uomo, in Città e analisi sociologica, a cura di Guido Martinotti, Marsilio editori, Padova, 1968, pp. 290-321.

Altri progettiModifica