Fatalità (film 1947)

film del 1946 diretto da Giorgio Bianchi

Fatalità

Descrizione di questa immagine nella legenda seguente.

Maria Michi e Amedeo Nazzari in una scena del film

Paese Italia
Anno 1946
Genere drammatico, sentimentale
Regia Giorgio Bianchi
Soggetto Rocco Galdieri
Sceneggiatura Sergio Amidei, Vitaliano Brancati, Sandro Ghenzi, Tullio Pinelli
Interpreti e personaggi

Fatalità, film italiano del 1947 con Amedeo Nazzari e Maria Michi, regia di Giorgio Bianchi.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Lei non sa che cosa sia l'America. È un paese dove la vita stessa ti spinge a fare sempre qualche cosa, che ti dice: «Avanti, su, lavora, pensa, metti fuori un'idea». E quando tu hai un'idea o un progetto, subito trovi mille persone attorno, pronte, sveglie, che ti mettono a disposizione tutti i mezzi con generosità, con fiducia. Perché lì quando un uomo è forte, sente veramente di esserlo, ed è ad ogni momento una prova. E lo stesso è per una donna. (Renato)
  • Io credo di essere un uomo forte, ma c'è anche una debolezza degli uomini forti, ed è profonda, quasi infantile. E allora si cade nella sfiducia, nell'amarezza. Abbiamo tutte le speranze, tutte le certezze, tranne quella di incontrare una persona che ci possa stare accanto. (Renato)

Citazioni su FatalitàModifica

  • Rincorre modelli realistici francesi d'anteguerra adattandoli alla Roma minutamente cronistica e piccoloborghese del dopoguerra. (il Morandini)

Altri progettiModifica