Faro (torre)

strumento di segnalazione ottica per la navigazione notturna

Citazioni sul faro.

  • Faro (s.m.). Alta costruzione sulla costa del mare dove il governo mantiene una lampada accesa e l'amico di un uomo politico. (Ambrose Bierce)
  • Il faro sulle rocce di Bell, uno dei più famosi al mondo, terminato nel 1811 dopo quattro anni di strenuo lavoro, fu il primo costruito in Scozia su un avamposto isolato. Il suo costruttore aveva seguito l'insuperabile metodo Smeaton per tutta la parte architettonica, apportando però modifiche rivoluzionarie nel meccanismo di emissione della luce. [...] Il faro luminoso subiva così degli oscuramenti assoluti, alternati regolarmente a fasi di luce piena, il buio era seguito dalla luce immediatamente e senza graduazioni. Questa e altre innovazioni resero celebre l'ingegnere che le aveva escogitate, il più famoso di una famosa famiglia di progettisti e costruttori di fari. Ancora oggi l'Enciclopedia Britannica lo nomina col dovuto rilievo nella storia dei fari marittimi. Quello che la Britannica non dice è che l'insigne e benemerito ingegner Robert Stevenson era il padre di Thomas, il quale aveva trasmesso l'impegnativo e augurale prenome al figlio, aggiungendovi Lewis, poi francesizzato in Louis. (Roberto Mussapi)
  • L'oscurità alla base del faro.[1] (modo di dire giapponese)
Un faro portoghese

NoteModifica

  1. Riferito a quando non si vede ciò che si ha sotto gli occhi, fin troppo vicino a sé.

Altri progettiModifica