Emanuele Repetti

geografo, storico e naturalista italiano

Emanuele Repetti (1776 – 1852), geografo, storico e naturalista italiano.

Busto di Emanuele Repetti, Sala dei Georgofili, Firenze

Citazioni su Emanuele RepettiModifica

Marco TabarriniModifica

  • In lui accanto al geologo crebbe lo storico; ed il Repetti ebbe sopra molti naturalisti questo pregio singolare, di completare la descrizione dei fatti della natura con la descrizione dei fatti dell'uomo; al quale ben può dirsi che la terra serva insieme di subietto per il magistero delle sue arti, come di teatro per la successione degli avvenimenti di cui esso è l'attore.
  • Non sembra che sulle prime il Ripetti assegnasse a queste sue peregrinazioni scientifiche uno scopo determinato, oltre le indagini geologiche: ma più volte egli narrò, come appunto in uno di questi suoi viaggi per la Toscana, gli nascesse l'idea di un Dizionario geografico, fisico e storico che tutta la illustrasse e che apertosene a G. P. Viesseux col quale viaggiava, ne avesse conforti ed eccitamenti tali, che senza più, appena tornato a Firenze, si mise all'opera, con quel coraggio e quella alacrità infaticabile, che formavano la parte più bella della sua natura.
  • Quando si pensa che il Dizionario geografico, fisico, storico della Toscana, è opera di un solo uomo, cominciata e condotta a termine nel breve spazio di quattordici anni, e quando l'autore correva verso il suo settantesimo compleanno, non si può a meno di non maravigliare di tanta stupenda operosità, specialmente se si pone a riscontro colla deplorabile infingardia dei tempi. Basta aver avuto fra mano l'opera del Repetti, per farsi una giusta idea delle grandissime difficoltà che dové superare il suo autore, nell'imprendere a descrivere minutamente un paese come è la Toscana, così vario nella formazione geologica del suo territorio, così ricco di prodotti sì naturali come manufatti, così facondo di monumenti e di memorie municipali: e non lasciare senza illustrazione una sconosciuta borgata, un castello rovinato.

Altri progettiModifica