Discussione:Totò

Discussioni attive


Lei è un imbecille, s'informi!

E che cosa sarebbe questo???????

Complimenti all'anonimo: continua cosí! Nemo 22:16, 18 giu 2007 (CEST)

Le poesieModifica

Salve. Una piccola proposta: io trovo che 'A livella sia una poesia bellissima e non mi dispiacerebbe se ci fosse tutta. Se l'idea vi piace fatemelo sapere, non ho problemi a occuparmene personalmente. (magari anche Malafemmina, perché no?). Ciao e grazie. Marco.

Assolutamente NO, sarebbe una violazione di copyright. Solo citazioni, non opere per intero. --DOPPIA•DI 16:18, 3 nov 2008 (CET)
I testi completi, comunque, vanno in Wikisource. --Nemo 00:30, 20 nov 2008 (CET)

opere completeModifica

E' stata inserita una poesia (Ll'ammore) completa ma molto corta. Come tagliarla? --Micione 23:54, 2 mar 2009 (CET)

È talmente corta che si può anche tenere; non è l'intera raccolta di poesie. ;-) --Nemo 23:59, 14 mar 2009 (CET)

Aggiunte 3 pagine su film di Totò con citazioniModifica

I film sono: Il Ratto delle Sabine, Totò cerca moglie e Totò e i re di Roma. Mi occuperò al più presto per allargare quegli abbozzi. Introdotte altre numerose citazioni, però se mi vengono cancellate, così, senza una motivazione specifica, si rischia di creare confusione. Dunque quando apportate le modifiche, sarei pregato di leggere i motivi delle stesse. Altrimenti le prendo per atti di vandalismo e ripristino la pagina come l'ho fatta io, che era molto più ricca e quilibrata e comprensibile di prima!--TatsuoTabei (scrivimi) 14:18, 23 gen 2011 (CET) 14:11, 23 gen 2011 (CET)

(riprendo) perfetto, avevo già un messaggio nelle mie discussioni ma non mi ero accorto che non avevo fatto il login e non l'ho letto. Ora rimetto la pagina come l'aveva messa Quarto75. Però ripeto, io ho aggiunto delle voci nei film, ho aggiunto 3 film nella filmografia con citazioni (che arricchirò quanto prima) ed ho aggiunto varie citazioni all'interno dei film stessi (quelle sono rimaste intatte). Inoltre ho dato fonti a due citazioni su Totò: una di Monicelli ed una di Federico Fellini. Dunque, la mia pagina credo sia più un bene che un male. Non so come fare per discutere sul suo inserimento, comunque, volevo lavorare per togliere quella X che contrassegna la pagina non wikificata. Dato che non vorrei ritrovarmi a passare del tempo a cercare citazioni e fonti, vedendo il tutto infranto causa stravolgimenti della pagina, mi fermo qua. Se vedo dei progressi in tal senso, mi rimetto in moto. Altrimenti lascio tutto com'è.--TatsuoTabei (scrivimi) 14:18, 23 gen 2011 (CET)
ciao, le tue modifiche hanno spostato l'elenco dei film tra le citazioni, hanno inserito un paragrafo Citazioni tratte da scatch che non è da modello. se hai inserito delle citazioni che ho rollbackato scusami, me le sono perse in tutte le tue revisioni. se hai delle nuove citazioni inseriscile nei paragrafi già presenti. Per togliere la X rossa bisognerebbe:
  1. spostare tutte le citazioni da film nelle voci relative
  2. sistemare le citazioni tratte da poesie nella sezione "citazioni" e non creare un paragrafo dedicato. inoltre (sono ignorante in materia) da dove provengono tali poesie? da film? o da scritti? le indicazioni di fonte non sono chiare. Bianchina da dove è presa?
per quanto riguarda le fonti delle "citazioni su" non vanno inserite qui, ma nelle voci degli autori (Fellini e Monicelli)
se hai altri dubbi chiedi pure... --Quaro75 (scrivimi) 17:34, 23 gen 2011 (CET)
p.s. e comunque si scrive sketch --Quaro75 (scrivimi) 17:34, 23 gen 2011 (CET)
Le poesie di Totò sono leggibili nel suo libro "La Livella", che contiene molte poesie scritte dallo stesso Totò. Bianchina è il titolo di una di queste. E la vedi recitata (solo pochi versi) lì. La pagina delle citazioni tratte da poesie non l'ho fatta io e forse è l'unica che non ho modificato. Il libro di Totò (che io ho l'onore di avere con la firma e dedica della figlia Liliana) è questo (sono uscite più e più ristampe nel corso degli anni, infatti io ho quella del 64): A' Livella, Editrice E.. Gremese, 1992. Per il resto appena posso riempio di citazioni e dialoghi le 3 pagine che ho creato. Da notare il fatto che non sapevo mettere il template di "abbozzo" e quindi le ho lasciate così.--TatsuoTabei (scrivimi) 19:02, 23 gen 2011 (CET)
Quaro, hai ragione, colpa mia: la sezione delle poesie l'avevo sistemata io ma avevo sbagliato il titolo, ora ho corretto.
TatsuoTabei, mi spiace ma le citazioni Monicelli e di Fellini non le possiamo accettare perché tratte da un fansite, una fonte non affidabile. --Micione (scrivimi) 01:18, 4 feb 2011 (CET)

Senza fonteModifica

  • A volte, mi confrondo.
  • Abbiamo cozzato, signora, scusi il cozzo!
  • Cara, voi siete la mia arma segreta... la bomba anatomica!
  • Gli avvocati difendono i ladri. Sa com'è, tra colleghi... (se stesso)
  • Gli italiani prima hanno perso la guerra, poi hanno perso la Pace? (nei panni di Antonio De Rosa)
  • Io prima di mangiare mi sento sempre un po' stupido.
  • L'uomo discende dalla scimmia. Io no perché sono raccomandato. (da Due cuori fra le belve)
  • La notizia per ora è stata sottoufficiale, poi diventerà ufficiale. (da Premio Nobel)
  • Mi scompiscio dalle risate.
  • Mi sono fermato a trentotto anni: chi me lo fa fare di spostarmi? (nei panni di Rosario di Gennaro detto Lallo)
  • Noi attori, al massimo, se abbiamo molto successo, duriamo una generazione. (dichiarazione sulla sua arte in un'intervista)
  • Non sono ancora cavaliere, ma non dispero. Checché...
  • Parli come badi, sa?!
  • Posseggo solo cose inutili... ma non è colpa mia. (se stesso) (da Il Versipelle)
  • Quello che ho detto ho detto. E qui lo nego!
  • Questa mappa è piccola, è troppo piccola, è una mappina.
  • Signora, sono a sua completa disposizione, corpo, anima e frattaglie.
  • Sono ormai all'età in cui si tirano le somme, e non ho fatto nulla. Sarei potuto diventare un grande attore, e invece, sui cento film e più che ho girato, ve ne sono degni non più di cinque, sei al massimo, il resto è tutto da buttar via. Ma anche se fossi diventato un grande attore, cosa sarebbe cambiato? Gli attori sono solo venditori di chiacchiere. Il falegname, almeno, costruisce qualcosa che dura: il tavolino che fabbrica continua a resistere, nel tempo, dopo di lui.
  • Trentamila lire al mese di stipendio? Preferisco millelire al giorno, una milata giornaliera. (nei panni di Rosario di Gennaro detto Lallo)
Ritorna alla pagina "Totò".