Daniel Kahneman

psicologo israeliano

Daniel Kahneman (1934 - vivente), psicologo israeliano.

Daniel Kahneman

Pensieri lenti e velociModifica

  • L'ottimismo esagerato protegge gli individui e le organizzazioni dagli effetti paralizzanti dell'avversione alla perdita; l'avversione alla perdita li protegge dalle follie dell'ottimismo sconsiderato.
  • La gente tende a valutare l'importanza relativa dei problemi in base alla facilità con cui li recupera dalla memoria, e questa è in gran parte determinata da quanto i media si occupano di quei temi.
  • Le persone continuano a credere incrollabilmente in qualsiasi asserzione, per quanto assurda essa sia, quando godono del sostegno di una comunità di credenti che hanno la loro stessa mentalità.
  • Nella vita, niente è importante quanto si pensa che sia, mentre ci si pensa.[1]

NoteModifica

  1. Citato in Come funziona la filosofia, a cura di Marcus Weeks, traduzione di Daniele Ballarini, Gribaudo, 2020, p. 235. ISBN 9788858025598

BibliografiaModifica

  • Daniel Kahneman, Pensieri lenti e veloci, traduzione di Laura Serra, Mondadori, 2012.

Altri progettiModifica