Apri il menu principale

Condannato a morte per mancanza di indizi

film del 1983 diretto da Peter Hyams

Condannato a morte per mancanza di indizi

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Star Chamber

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1983
Genere vigilante film, film drammatico, film del mistero
Regia Peter Hyams
Sceneggiatura Peter Hyams, Roderick Taylor
Produttore Frank Yablans
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Condannato a morte per mancanza di indizi, film del 1983 con Michael Douglas e Hal Holbrook, regia di Peter Hyams.

IncipitModifica

[in televisione]
Anchorman: Il consigliere municipale Donnagher, che è stato l'unico a votare contro la proposta, ha dichiarato di non essere affatto convinto che il luogo suggerito sia il più adatto a uno scopo del genere. Ha poi aggiunto che non è la prima volta che la commissione per l'edilizia pubblica propone un terreno insistendo nell'affermare che è l'unico adatto. Ed ora la cronaca: in un vicolo di Los Angeles, in un'auto abbandonata, è stato trovato il cadavere di una donna. Il corpo è stato identificato per quello di Margaret Howard, 68 anni, uccisa da un colpo alla testa. Il sergente Thomas Spota ha dichiarato al nostro inviato Chuck Hurley che l'autore o gli autori del delitto potrebbero essere gli stessi che in queste ultime settimane hanno compiuto in quella zona omicidi simili.
Sergente Thomas Spota: A quanto risulta aveva incassato la pensione all'ufficio che è a un isolato da qui alle... all'incirca verso le quattro di oggi pomeriggio. Le hanno sparato alla testa con una pistola calibro 38 a distanza molto ravvicinata. Il medico legale ha stabilito che la morte dev'essere avvenuta fra le quattro e le sei di oggi pomeriggio.
Inviato Chuck Hurley: Avete dei sospetti?
Sergente Thomas Spota: No, non ancora.
Inviato Chuck Hurley: In questa stessa zona negli ultimi due mesi sono stati uccise cinque donne anziane. È possibile che l'assassino sia sempre lo stesso?
Sergente Thomas Spota: Be', i controlli balistici non sono ancora finiti. Ma sappiamo già che sono state uccise tutte con una 38 dopo che avevano incassato la pensione e tutte alle cinque del pomeriggio. I proiettili delle prime quattro sono uguali, e sarà uguale anche questo, credo.
Giornalista: Se siete in grado di darci informazioni sull'assassino chiamateci sulla nostra linea speciale: 666 26 26. Non dovrete dire il vostro nome. La sola pista che fin'ora ha la polizia è fornita da due persone che affermano di aver visto un portoricano provenire dal vicolo verso le quattro e mezzo del pomeriggio. Lo hanno descritto sui venticinque anni, alto all'incirca uno e settanta e snello.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Così non si va avanti. Tutte quelle frasi fatte, quelle banalità che ti circondano per tutto il giorno... Non può continuare così. Mi fanno sentire dalla parte sbagliata, maledizione! Il mondo alla rovescia... Il primo giorno d'università andai nella biblioteca e c'erano quegli scaffali pieni di libri, marroni, rossi, con le scritte dorate. Mandavano un buon odore, ed era... era... era come guardare la verità assoluta. La verità era lì in quegli scaffali. La verità. La legge. Una parola che non mi sarei mai sognato di dover dire a bassa voce! Il bene e il male non esistono! O sei nella legge o non sei nella legge... Be', i nodi sono venuti al pettine perché così non si può più andare avanti. Stiamo scoprendo che i bene e il male contano. Aveva l'età di Max, l'ultima cosa che ha provato è stata la tortura. Ci sono cinque donne a cui hanno sparato in testa. Sono circondato di cadaveri e sono io a fornire le pallottole! Quelle carogne [gli avvocati] vanno a spulciare uno di quei libri, trovano qualcosa e io gli do il premio. Non importa che quella cosa non sia stata messa lì per loro, ma per quel bambino o per quelle cinque donne, non importa. Loro l'hanno trovata e loro se ne servono. Questa è la legge. Ma dove sono finite la giustizia e l'ingiustizia?! Dovranno pur esserci in uno di quei libri... Sono talmente tanti quei libri che in uno devono essere. Non so se ce la farò ad andare avanti. Non so se potrò più guardare in faccia quelli che vengono da me a chiedere giustizia mentre io non posso dargliela. Non lo so... non so più niente... (Giudice Hardin)
  • [a una partita di baseball, riferendosi al pubblico] Chissà perché si portano tutti la radio. È come se non credessero a quello che vedono finché non glielo conferma il cronista! (Giudice Caulfield)
  • [in prigione] Noi qui abbiamo dei mezzi d'informazione formidabili. Migliori dei telegiornali. (Harry Lewin)
  • Stanotte hanno trovato un altro bambino seviziato e ucciso, proprio come Danny. Ora c'è un altro padre che per il resto della vita avrà nelle orecchie quelle grida. E lei dovrà affrontarlo e dovrà spiegargli perché ha lasciato liberi quei due, in modo che potessero uccidergli il figlio. Questa volta è colpa sua, Vostro Onore. Ce l'ha lei sulla coscienza. Quel bambino sarebbe ancora vivo se lei non avesse liberato quei due. Lo spieghi un po' a quel padre il suo criterio di giudizio, gli tenga una delle sue conferenze sulla vostra giustizia intoccabile, tutte quelle belle citazioni che ha usato con me adesso le usi con lui. Meglio ancora: se le tenga per sé. Ma a me mi lasci in pace perché io ho la coscienza a posto. Io posso guardare in faccia a quell'uomo perché qualcosa ho tentato di fare! Lei invece gli ha ucciso il figlio! (Harry Lewin) [Al giudice Hardin]
  • Tutto il nostro sistema giudiziario, un po' alla volta, è diventato come il cubo magico, quel giocattolo che ognuno gira come più gli piace e più gli fa comodo. Capisci? Non possiamo cavarcela dicendo a noi stessi "Quello che faccio va bene perché applico la legge." La giustizia vuole altro! Però siccome tutto è conforme alla legge, va bene. Eh, no, no, no. Questo concetto non è più tollerabile. Ti sei guardato intorno? Vanno tutti girando con quei pattini a rotelle con le scarpe da tennis e con quegli apparecchi radio da marziani che gli tappano le orecchie! E quelli che restano a casa chiudono a chiave la porta e mettono altissimo il volume della TV per non sapere niente di quello che gli succede intorno! Tutto il mondo non c'è, è uscito a pranzo! Come mai? Perché tutti hanno paura di rendere conto di qualcosa! (Giudice Caulfield)
  • [il criminale Flowers, inseguito dal detective, si nasconde sotto un'automobile in un parcheggio sotterraneo] Flowers, ma che scemenze sono?! Senti pupo, non mi va di mettermi a quattro zampe e giocare a nascondarella, ho un paio di calzoni appena comprati! Quindi mi resta da fare una cosa sola: sparare qualche colpo sotto le macchine, così i proiettili cominceranno a rimbalzare a destra e a sinistra e può darsi che uno colpisca qualche serbatoio e lo faccia scoppiare, la macchina salterà in aria e tu finirai arrosto come un bel pollo, poi io sarò costretto a compilare un mucchio di rapporti sull'accaduto, poi verranno quelli dell'obitorio e ti metteranno un bel sacco nero di plastica e io per colpa tua dovrò riempire un sacco di scartoffie! E tu, Flowers, lo sai quanto detesti le scartoffie! Oppure potrei ferirti, e questo vorrebbe dire infermieri, ambulanze con tutte le scocciature che seguono. Io sarei costretto a venire all'ospedale per interrogarti e dovrei compilare due tipi di rapporti invece di uno. Quindi facendo tutti i miei calcoli ed esaminando le varie possibilità, la soluzione che mi costringe a riempire meno scartoffie è quella di farti saltare in aria quella testa di cazzo. [fa scattare la sicura della pistola e Flowers esce da sotto una delle automobili] Hai classe Flowers! Quando ti nascondi scegli una Cadillac per farlo! (Det. James Wickman)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Poliziotto 1: Non toccarlo!
    Poliziotto 2: Perché? Scoppia?
    Poliziotto 1: Macché scoppia, non puoi ispezionarlo, serve un mandato.
    Poliziotto 2: Cosa? Ma sei pazzo?
    Poliziotto 1: Eh, sì... certo, ci vuole un mandato. Te lo dico perché una volta mi è già successo.
    Poliziotto 2: Vuol dire che busserò sul coperchio del bidone e mi qualificherò come agente di polizia. Pensi che il bidone me lo darà il permesso?
    Poliziotto 1: Puoi sfottere quanto ti pare, ma questo bidone che vedi è proprietà privata e ci vuole un mandato.
    Poliziotto 2: Incredibile, siamo qui tutti e due col fiatone perché quello è scappato quando ci ha visto. Si è fermato per buttare qualcosa in questo bidone, secondo te perché è educato? E sempre secondo te otterremo un mandato in trenta secondi, visto che tra trentuno il bidone sarà sul camion?
  • Giudice Caulfield: Che cosa siamo noi giudici? Arbitri, mio caro, arbitri! Ogni volta ci danno l'elenco dei giocatori, noi spieghiamo ai manager le regole di campo, gli spieghiamo che ogni palla lanciata nella zona morta vale due basi, e poi nell'ottavo inning qualcuno lancia la palla nella zona morta e il difensore che conosce le regole di campo non la insegue, il corridore continua a correre ed ecco che allora arriva il manager arrabbiato e mi dice "Rimanda indietro il corridore alla seconda base!" e io gli dico "No, mi dispiace, hanno cambiato le regole e oggi la zona morta è regolare. Quindi il punto è valido". È sempre stato un gioco, solo che oggi i delinquenti hanno le squadre più forti e i vivai migliori.
    Giudice Hardin: Quando frequentavo i tuoi corsi prendevo molti appunti, ma una cosa del genere mai te l'ho sentita dire! Non è così?
    Giudice Caulfield: Dovevi prendere meno appunti e ascoltare di più.
  • Avvocato: Vostro Onore, questo è un caso che implica torture atroci, violenze sessuali, e l'uccisione di un bambino di dieci anni e ci sono ragioni per credere che il caso conduca ad altri orrori simili commessi contro altri bambini.
    Steven R. Hardin: Io sono conscio della gravità del caso, forse è lei che doveva capirlo mentre preparava l'istruttoria. Ha fatto un lavoro superficiale. Ha basato tutta l'accusa su una prova ottenuta durante una perquisizione discutibile, e ora scarica tutto su di me. Be'... io non intendo ammettere una prova che sicuramente verrebbe respinta da una Corte d'Appello.
  • Giudice Hardin: Dottor Lewin, capisco quello che prova, glielo assicuro. Ma devo rendere conto alla legge.
    Harry Lewin: E alla giustizia ha mai reso conto?! La giustizia è quell'ammasso di parole incomprensibili ed indovinelli che voi chiamate legge!
  • [dopo l'assoluzione]
    Lawrence Monk: Monk è libero! La ruota della giustizia ha funzionato.
    Avvocato difensore: La bilancia della giustizia, vuoi dire.
    Arthur Cooms: Eh, hai fatto proprio un buon lavoro, eh!
    Avvocato difensore: Grazie.
    Lawrence Monk: Sì, vieni, ti offriamo qualcosa da bere.
    Avvocato difensore: Sentite, io ho fatto il mio lavoro. Ma la signora che tiene in mano quella bilancia ha gli occhi bendati, quindi non ha potuto vedere per chi l'ho fatto. Però io l'ho visto. Ho controllato all'Associazione dei bar e m'hanno detto che con voi due io non devo bere. Mh?
  • Det. James Wickman: Hai mangiato qualcosa?
    Det. Harry Lowes: Sì.
    Det. James Wickman: Quando?
    Det. Harry Lowes: Ieri a pranzo.
    Det. James Wickman: "Ieri a pranzo". Sembri un cadavere.
    [...]
    Det. James Wickman: Se non ti prendi un po' di riposo e non mangi qualcosa finirai per morire, e se non te ne vai a casa morirai qui. E io non voglio che tu muoia qui, perché se tu muori qui mi toccherà riempire un sacco di rapporti e di scartoffie e al momento ne ho piene le palle di scartoffie.

ExplicitModifica

[in riunione con gli altri membri della società segreta] Warren Craig, 22 anni, sette volte recidivo, una condanna per rapina a mano armata il 28 agosto 1979, detenuto due anni. L'8 dicembre 1981 alle otto del mattino ci fu una rapina in un supermercato a servizio notturno. Il cassiere disse al rapinatore di non avere soldi in cassa, ma lui senza esitare gli sparo alla testa. [dal registratore nell'auto del detective Harry Lowes] [...] sostenendo che trasportare un semplice sospettato a testimoniare era una violazione dei suoi diritti per ingiustificata violazione e sequestro di persona. Craig fu rimesso il libertà. Avete domande da fare? Passiamo alla sentenza. (Giudice Kirkland)

Citazioni su Condannato a morte per mancanza di indiziModifica

Frasi promozionaliModifica

  • Al limite delle leggi da essi ritenute insufficienti, i magistrati creano un "camera" segreta.
Em marge de lois qu'ils jugent insuffisantes, des magistrats créent une "chambre" secrète.[1]
  • Allo scoccare della mezzanotte ... Un tribunale segreto emette una sentenza ai limiti della legge.
Al filo de la medianoche... Un tribunal secreto dicta sentencia al margen de la Ley.[2]
  • Hanno commesso ogni crimine, la legge non può punirli, sono liberi di andare per le strade.[3]
  • La giustizia non può conoscere limiti.
La justice ne saurait connaître de limites.[4]
  • Quando un gruppo di giudici della Corte Suprema perde la fede nella legge che hanno giurato di difendere... compiono la loro raccapricciante giustizia! Loro sono... quelli della Camera stellata.
When a group of superior court judges lose faith in the law they have sworn uphold... they implement their own horrifying justice! They are... The Star Chamber.[5]
  • Si incontrano. Giudicano. Condannano. Tutto nel nome della legge.
They meet they judge they execute... all in the name of the law.[6]
  • Sono i membri più potenti della nostra comunità. Hanno uno sconvolgente segreto. Un segreto che riguarderà tutti noi. Solo un uomo è determinato a fermarli. Il 5 agosto saprai chi sono in realtà.
They are the most powerful members of our community. They have a shattering secret. A secret that will affect us all. Only one man is willing to stop them. On August 5, you'll know who they really are.[7]

NoteModifica

  1. Dalla locandina in francese. Cfr. Poster, fan-de-cinema.com
  2. Dalla locandina in spagnolo. Cfr. Una Pagina de Cine 1983 Los jueces de la ley (esp).jpg, c1n3.org
  3. Dalla locandina in italiano. Cfr. Foto Locandina da Condannato a morte per mancanza di indizi, filmtv.it
  4. Dalla locandina in francese. Cfr. La nuit des juges, cinemapassion.com
  5. Dalla locandina in inglese (Australia). Cfr. Australian one sheet movie poster '83, emovieposter.com
  6. Dalla locandina in inglese. Cfr. Pictures & Photos from Condannato a morte per mancanza di indizi, IMDb.com
  7. Dalla locandina in inglese. Cfr. Poster Condannato a morte per mancanza di indizi, MYmovies.it

Altri progettiModifica