Apri il menu principale

Bernardino da Siena

religioso, teologo e santo italiano
Bernardino da Siena

Bernardino da Siena, nato Bernardino degli Albizzeschi (1380 – 1444), sacerdote e santo italiano.

DiscorsiModifica

  • Certamente Cristo non gli ha negato [a Giuseppe] in cielo quella familiarità, quella riverenza e quell'altissima dignità che gli ha mostrato mentre viveva fra gli uomini, come figlio a suo padre, ma anzi l'ha portata al massimo della perfezione.
  • Regola generale di tutte le grazie singolari partecipate a una creatura ragionevole è che quando la condiscendenza divina sceglie qualcuno per una grazia singolare o per uno stato sublime, concede alla persona così scelta tutti i carismi che le sono necessari per il suo ufficio.
  • Se poni san Giuseppe dinanzi a tutta la Chiesa di Cristo, egli è l'uomo eletto e singolare, per mezzo del quale e sotto il quale Cristo fu introdotto nel mondo in modo ordinato e onesto.

[AAVV, Liturgia horarum iuxta ritum Romanum, Typis Polyglottis Vaticanis, ed. italiana, Roma, 1972]

Prediche volgariModifica

  • Colui che parla chiaro, ha chiaro l'animo suo: chi parla scuro, significa l'animo suo scuro.
  • Ell'è tanto utile cosa questa pace! Ella è tanto dolce cosa pur questa parola — pace, — che dà una dolceza a le labra! Guarda el suo opposito, a dire — guerra! — È una cosa ruvida tanto, che dà una rusticheza tanto grande, che fa inasprire la boca.
  • [Dio] Hatti dato due orecchie et una lingua, perché tu oda più che tu non parli.
  • La pietà è uno condimento a tutte le virtù che può avere uno omo.

Citazioni su Bernardino da SienaModifica

  • Caro Santo sorridente,
    papa Giovanni apprezzava talmente le tue prediche scritte che voleva proclamarti Dottore della Chiesa. Morì e non se ne fece, sinora, nulla. Peccato! (Albino Luciani)

Altri progettiModifica