Apri il menu principale

Citazioni sul balcone.

CitazioniModifica

 
Verona, il balcone di Giulietta
  • C'erano due amori nella vita del signor Hoppy. Uno erano i fiori del suo balcone. Crescevano in vasi e in mastelli e in cestini, e d'estate il piccolo balcone diventava un'orgia di colori. (Roald Dahl)
  • Il peronismo è, tutto sommato, un movimento «gregario». Senza un leader carismatico che si sbracci dal balcone della Casa Rosada, un simile movimento si sente perduto. (Igor Man)
  • Selciato spaventoso. Nessuna vita per strada. – Molti balconi, nessuno ai balconi. (Charles Baudelaire)

Vitaliano BrancatiModifica

  • Caro Direttore,
    No, non è vero che qui si parli molto. Anzi, è vero il contrario. In Sicilia, la vita intima fa a meno delle parole. Una madre e una figlia possono trascorrere un'intera giornata dietro il balcone, scambiandosi due o tre frasi.
 
Roma, un balcone in via Frattina.
  • Sempre quella mania di fabbricare palazzi di tre piani, quando si hanno sì e no i soldi per terminare il pianterreno. Ed ecco nuovi edifici, abitati nei bassi, e coi balconi senza imposte e ringhiere nel primo, secondo e terzo piano, dei quali si erge maestosa la sola facciata.
  • «La contessa K» continuò «è stata la sola che ha dovuto sospettare la verità, perché una sera mi disse: «Antonio, sia sincero, non sarebbe comodo poter possedere una donna con gli occhi?» Non so se volesse alludere al fatto ch'io avevo lo sguardo di certi ingravidafinestroni[1] siciliani dei quali aveva parlato la sera avanti...»
  • gli avvocati che gesticolavano davanti al portone di casa, mentre sul loro capo, stesa a un filo tra balcone e balcone, la loro camicia gesticolava anch’essa...
  • «non guardare i balconi, ricordati che sei fidanzato!»

Carlo Emilio GaddaModifica

  • Che bravi! Le finestre han cornici barocche di pietra grigia, e fra la seconda e la terza del primo piano, sopra un bel balcone di ferro battuto, e panciuto, c'è dipinta una Madonna che appare benedicente a San Carlo Borromeo.
  • Mbà, isgrondava, il verbo. Di colassù di balcone i versi, i grugniti, i rutti, i sussulti priapeschi, le manate in poggiuolo, e 'l farnetico e lo strabuzzar d'occhi e le levate di ceffo d'una tracotanza villana: ch'era senza sustegno di cervello, né di potere alcuno da tenere addietro l'inimico, o, più, l'alleato.
  • Su issù poggiuolo il mascelluto, tronfio da esplodere, a quelle prime grida della ragazzaglia era di già ubriaco d'una sua pazza libidine, simile ad alcoolòmane cui basta annasare il bichiere per sentirsi ismarrito in un piscio elìseo, prosciolto da ogni ritegno.

Modi di dire italianiModifica

  • Stare al balcone.[2]
Stare a vedere, far da spettatore, senza partecipare.

Modi di dire toscaniModifica

Essere fuori di testa, essere strani.

NoteModifica

  1. In siciliano, finistruni sta per balcone. Cfr. Voce; in Vocabolario Siciliano, Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani, Catania-Palermo, 1985, p. 79.
  2. Citato in Salvatore Battaglia, Grande Dizionario della Lingua Italiana, II Balc - Cerr, Unione Tipografico-Editrice Torinese, Torino, 1971, p. 2.

Altri progettiModifica