Autocritica

Citazioni sull'autocritica.

  • Gli eroi sono più inclini all'autocitazione che all'autocritica. (Peter Schneider)
  • In tutti noi l'autodifesa tende a prendere il sopravvento sull'autocritica. (Karl Rahner)
  • Infine l'epurazione cominciò. Seguendo il cerimoniale stabilito, i membri della Commissione sedevano dietro ad una tavola drappeggiata di rosso, su uno sfondo decorato dei ritratti dei membri de Politburo e di manifesti che ripetevano gli slogans del Partito; un busto di Stalin, circondato di fiori, occupava il posto d'onore. Il comunista che doveva essere giudicato avanzava fino alla predella all'appello del suo nome; consegnava al Presidente la sua tessera del Partito e cominciava subito la storia della sua vita. Si assisteva allora ad un vero 'denudarsi' morale dell'epurando che si rifaceva alle origini della sua carriera, delle sue diverse attività, confessando i suoi peccati, i semi-peccati, gli errori che aveva commesso nell'adempiere al Grande Compito. Se il comunista a giudizio sospettava che la Commissione fosse a conoscenza di qualcuno dei suoi errori, aveva tutto l'interesse a confessarli egli stesso, perché il fatto di nascondere un delitto qualsiasi al Partito ne raddoppiava la gravità. (Viktor Andrijovyč Kravčenko)
  • Io non mi piaccio mai. Sono talmente autocritico, che non mi suicido per non lasciare un biglietto che mi sembrerebbe ridicolo. (Massimo Troisi)
  • L'autocritica che mi piace è svelta, secca, volta subito pagina. (Guido Piovene)
  • L'autocritica più sincera non obbliga necessariamente a modificare il proprio comportamento. Anzi conforta a riproporlo identico suffragato dall'alibi. (Marcello Marchesi)
  • Penso, compagni, che l'autocritica ci è necessaria come l'aria, come l'acqua. (Stalin)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica