Apri il menu principale

Associazione Calcistica Perugia Calcio

squadra di calcio di Perugia
Tifosi dell'A.C. Perugia Calcio, 2014

Citazioni sull'Associazione Calcistica Perugia Calcio.

CitazioniModifica

  • [Nel 2009; parlando del Perugia dei miracoli, stagione 1978-79] L'hanno chiamato miracolo e continuano a farlo [...]. Errore marchiano. Molto può dirsi dell'imbattibile Perugia, di certo non che fosse scaturito da un intervento divino. Piuttosto, il risultato di cinque anni di lavoro serio fatto da gente seria. [...] La prima squadra capace di giocare un intero campionato di serie A senza perdere una partita è stata un capolavoro. Di bravura. Di grinta. Di talento. Di uomini. La storia sono loro, i ragazzi di Castagner e D'Attoma, di Ramaccioni e della gente del Grifone. [...] La squadra che giunse seconda a tre punti dal Milan campione d'Italia è ancora oggi un esempio di grande calcio. Di bel calcio. Era uno spasso vederla giocare. [...] La carica di novità e di originalità di quel Perugia fu unica, alla fine degli Anni Settanta aperti dallo storico scudetto cagliaritano, ma scanditi dall'egemonia delle Grandi che non permise altre intrusioni. Il Perugia provò a scalare il cielo [...] Loro e solo loro sanno che cosa scattò nella testa e nel cuore, a mano a mano che non perdevano più. (Xavier Jacobelli)
  • La maglia è il simbolo di una società. È la divisa da esporre. È lo scudo dietro il quale ripararsi. Ci sono maglie che pesano. Quella del Perugia, per esempio, che venne indossata da gloriosi atleti a inizio secolo, poi da Serlupini, da Montenovo, da Azzali, da Castagner, da Novellino, da Bagni, da Vannini. Soprattutto da Renato Curi, che del Perugia è il simbolo.[1]
  • Noi famo l'acciaio, mica li cioccolatini.[2] (sfottò dei tifosi della Ternana verso i rivali perugini)
  • [Nel 1976] Parliamoci chiaro: il radiocronista al di sopra delle parti non esiste. È inconcepibile un uomo asettico, vaccinato a tal punto da risultare inattaccabile, pure in forma attenuata, dal morbo del tifo. Ad esempio, io non ho nulla in contrario ad ammettere che faccio il tifo per il Perugia. Ma perché il Perugia, mi chiedono tutti, osservando che non c'è nulla di umbro nella mia posizione anagrafica? Perché la sorte mi toccò, a diciotto anni, di studiare a Perugia. (Nando Martellini)
  • [Nel 1975] Questo significa per me l'arrivo del Perugia in Serie A. Per la città è una novità inebriante. Per me è un ritorno alla giovinezza. Benvenuto Perugia. Grazie per questo vento ubriacante che scatena senza freni i miei sogni e i miei ricordi più belli. (Nando Martellini)
  • [Nel 1975] Una volta che mi posi in testa di organizzare una squadra di ragazzini [...] mi venne d'istinto di comprare una serie di maglie tutte rosse e di piazzarci lo stemma col grifone. (Paolo Valenti)

NoteModifica

  1. Citato in Fieri di questa Maglia, Acperugiacalcio.com, 22 luglio 2013.
  2. Citato in Video Striscia La Notizia su rivalità Terni-Perugia, "Noi famo l'acciaio, mica li cioccolatini", Tuttoggi.info, 15 ottobre 2013.

Altri progettiModifica