Arthur Wellesley, I duca di Wellington

generale e politico britannico

Sir Arthur Wellesley, I duca di Wellington (1769 – 1852), generale e politico britannico di origine irlandese.

Il Duca di Wellington in un ritratto di Thomas Lawrence

Citazioni di Arthur WellesleyModifica

  • Spero, con l'aiuto di Dio di aver combattuto la mia ultima battaglia. È una brutta cosa stare sempre a combattere. Nel folto del combattimento sono troppo occupato per avere una sensazione qualsiasi; ma una sensazione di sciagura sopravviene immediatamente dopo. È quasi cosa impossibile pensare alla gloria. L'intelletto e il sentimento sono entrambi esausti. Mi sento uno sciagurato anche nel momento della vittoria, e sempre sostengo che, dopo una battaglia perduta, la più grande iattura umana è una battaglia vinta. (da una lettera a Lady Shelley dopo Waterloo; citato in Herbert Fisher, Napoleone)
  • Nulla tranne una battaglia perduta può essere per metà così malinconico come una battaglia vinta.[1][2]

AttribuiteModifica

  • La battaglia di Waterloo fu vinta sui campi da gioco di Eton.[3][2]

NoteModifica

  1. Da un dispaccio dal campo di battaglia di Waterloo.
  2. a b Citato in Elena Spagnol, Enciclopedia delle citazioni, Garzanti, Milano, 2009. ISBN 9788811504894
  3. Attribuita da Montalembert, De l'avenir politique de l'Angleterre.

BibliografiaModifica

  • Herbert Fisher, Napoleone, traduzione di G. Paganelli-Aventi, Cappelli, 1964.

Altri progettiModifica