Amelia Edwards

scrittrice, giornalista e egittologa inglese

Amelia Ann Blandford Edwards (1831 – 1892), scrittrice, giornalista ed egittologa britannica.

Amelia B. Edwards, 1890

Citazioni di Amelia EdwardsModifica

  • [Sulle Pale di San Martino] [...] così terrificanti che sembra debbano spalancarsi da un momento all'altro e far precipitare l'intera massa delle rocce. Credo di poter dubitare che perfino nelle Ande sia raro trovarsi di fronte ad una scena così straordinaria e primordiale.[1]
  • Il Cimon della Pala nella forma assomiglia ad una tomba faraonica, con quel pinnacolo piramidale sulla cima. Neppure il Cervino, che pure offre a chi lo guarda un aspetto crudele e ha alle spalle una lunga storia di tragedie, dà una tale misura della nostra piccolezza come il Cimon della Pala e incute una sensazione di smarrimento e paura.[2]

Incipit di La carrozza fantasmaModifica

Le circostanze che mi appresto a narrarvi sono del tutto vere. Sono cose che sono successe a me, e i miei ricordi sono molto vivi, tanto che gli eventi che sto per descrivervi potrebbero essere accaduti ieri. Invece sono trascorsi vent'anni da quella notte. Durante quei vent'anni ho raccontato questa vicenda a una sola persona. La ripeterò ora con una riluttanza che riesco a vincere a stento. Tutto quello che chiedo nel frattempo, è che vi asteniate dall'obbligarmi ad accettare le vostre conclusioni. Io ne sono convinto, e i miei sensi mi confortano in questa mia convinzione: dunque preferisco attenermi ad essi.

NoteModifica

  1. Da Cime inviolate e valli sconosciute. Vagabondaggi di mezza estate nelle Dolomiti – 1872 , traduzione di Anna Luisa Samoggia, Nuovi Sentieri, Falcade (BL), 2002. ISBN 9788885510357
  2. Da Cime inviolate e valli sconosciute. Vagabondaggi di mezza estate nelle Dolomiti – 1872 , 2002.

BibliografiaModifica

  • Amelia Blandford Edwards, La carrozza fantasma, traduzione di Gianni Pilo, in "Storie di fantasmi", a cura di Gianni Pilo e Sebastiano Fusco, Newton & Compton, 1995.

Altri progettiModifica