Affrontando i giganti

film del 2006 diretto da Alex Kendrick

Affrontando i giganti

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Facing the Giants

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2006
Genere drammatico, sportivo
Regia Alex Kendrick
Sceneggiatura Alex Kendrick, Stephen Kendrick
Produttore David Nixon
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Affrontando i giganti, film statunitense del 2006, regia di Alex Kendrick.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Signore Gesù, mi aiuterai? Ho bisogno di te. Signore, ci sono i giganti della paura e del fallimento che guardano verso di me e che vogliono schiacciarmi, ma non so come sconfiggerli. Sono stanco di avere paura. Se vuoi che io faccia qualcosa, dammi un segno. (Grant) [preghiera]
  • Il vostro comportamento è come il profumo del vostro cuore: se non profuma, il cuore non sta bene. (Grant)
  • Nel Vecchio Testamento, Neemia doveva edificare un muro di cinta intorno alla sua città, ma gli mancavano persone, risorse e tempo. Ma poiché ognuno lavorò al massimo delle proprie possibilità, riuscirono a farcela in poco tempo. Questo dovete fare. In difesa, dovete risolvere voi. Nessuno vi supera come uomini, né come squadra. Edificate un muro di pietre. (Grant)
  • C'è una frase di Dio ripetuta 365 volte: «Non abbiate paura». Visto che l'ha detto tante volte, doveva essere serio. (Mark)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Larry: David, fin da quando eri un bambino ho chiesto a Dio di mostrarti quanto lui sia forte nella tua vita, in modo che attraverso di te la gente capisse quanto lui sia buono.
    David: E perché mi ha fatto così piccolo e debole?
    Larry: Per dimostrare la sua potenza.
  • Larry: Hai fatto del tuo meglio?
    David: Sapevo che avrei fallito prima di tirare.
    Larry: Le tue azioni rispecchiano sempre la tua fede, David.
  • Brooke [leggendo gli appunti di Grant]: Questa è la tua nuova filosofia di squadra?
    Grant: Che ne pensi?
    Brooke: Vale per tutta la vita, non solo per il football.
    Grant: È questo il punto.
  • Grant [tenendo in mano la Bibbia]: Più leggo questo libro e più realizzo che la vita non riguarda noi. Non siamo qui solo per la gloria, i soldi e per poi morire. La Bibbia dice che Dio ci ha messo qui per lui, in suo onore. Gesù ha detto che la cosa più importante che potete fare è amare Dio e amare gli altri come voi stessi. Quindi se vinciamo ogni partita, ma fallite in questo, è come non aver fatto nulla, allora il football non ha significato. Questa è la nuova filosofia di squadra: il football è solamente uno dei mezzi per onorare Dio.
    Brock: Pensa che a Dio importi del football?
    Grant: A lui importa della vostra fede, importa del vostro cuore. Se vivete la vostra fede giocando a football, a Dio importa del football e gli importa di voi. Ci ha inviato Gesù che è morto per noi, perché potessimo vivere per lui, perciò siamo qui. Ma questo non vale solo per il football. Dobbiamo onorarlo nelle nostre amicizie, nel rispetto per l'autorità, quando siamo a scuola e anche quando siamo soli a casa. Voglio che Dio benedica questa squadra di cui la gente parla tanto, ma dobbiamo dargli il nostro meglio in tutto. E se vinciamo, lo loderemo. E se perdiamo, lo loderemo. Comunque vada, lo onoreremo con le nostre azioni e i nostri atteggiamenti.
  • Matt [parlando di suo padre]: Non fa altro che darmi ordini, non cerca neanche di capirmi.
    Grant: Matt, non puoi giudicare lui per le sue azioni e giudicare te per le tue intenzioni.

Altri progettiModifica