Apri il menu principale

Yann Martel (1963 – vivente), scrittore canadese.

Yann Martel nel 2007

Indice

Vita di PiModifica

IncipitModifica

La mia dolorosa esperienza mi lasciò triste e depresso.

CitazioniModifica

  • Purtroppo, c'è sempre chi è pronto ad assumersi la responsabilità di difenderlo [Dio], come se la Realtà Ultima e la struttura dell'esistenza necessitassero dell'aiuto umano.
    Queste persone, quando incontrano una vedova devastata dalla lebbra che elemosina qualche spicciolo, o dei bambini coperti di stracci, pensano: "Le solite sceneggiate". Ma se percepiscono la più piccola offesa nei confronti di Dio, si trasformano completamente: i volti si infiammano, i petti si gonfiano e volano parole rabbiose. La forza della loro indignazione è incredibile.
    Queste persone non capiscono che Dio va difeso dentro e non fuori di noi. (p. 85)
  • A metà degli anni Settanta, l'India attraversava un brutto periodo. Lo capivo dalle rughe profonde che solcavano la fronte di papà quando leggeva i giornali, dai frammenti di conversazione fra i miei genitori, Mamaji e gli altri. Ero in grado di comprendere quello che dicevano, però non mi interessava. Gli oranghi erano ghiotti di chapati come sempre, alle scimmie non importava cosa succedeva a Delhi; i rinoceronti e le capre continuavano a vivere in pace, gli uccelli cinguettavano, le nuvole portavano pioggia; il sole era caldo, la terra respirava, Dio c'era: nel mio mondo tutto era in ordine. (p. 92)

BibliografiaModifica

  • Yann Martel, Vita di Pi, traduzione di Clara Nubile, Piemme, 2003.

Altri progettiModifica