Vikram Seth

scrittore indiano

Vikram Seth (1952 – vivente), scrittore e poeta indiano.

  • Erano violentemente d'accordo l'un con l'altro e piacevolmente in disaccordo l'un con l'altro.[1]
  • Ho un bel lavoro, ottimo salario,
    sono giovane, ambizioso e onesto.
    Ma tutti i segni dicono il contrario.
    Il Dow-Jones del mio cuore è funesto.
    Sfiorito il girasole della mia
    verde età. Sprofondata ogni utopia.
    Velata la lente della passione.
    Ogni schema finito nel pallone.
    Qual è la radice del mio star male?
    Prendo le vitamine, vado a correre,
    eppure sento la mia vita scorrere,
    via. Jan dammi un consiglio leale.
    Io muoio, collasso, crepo, mi spengo».
    «Hai bisogno d’un amore, ritengo».[2]
Vikram Seth

Incipit de Il ragazzo giustoModifica

  • «Sposerai anche tu un ragazzo scelto da me» disse con fermezza la signora Rupa Mehra alla figlia minore.[3]

NoteModifica

  1. Da Il ragazzo giusto. Citato in AA.VV., Il libro della letteratura, traduzione di Daniele Ballarini, Gribaudo, 2019, p. 317. ISBN 9788858024416
  2. Da The Golden Gate, 1986. Citato in Rimedio a tutto
  3. Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

Altri progettiModifica