Tirteo

poeta greco antico

Tirteo (VII secolo a.C.), poeta greco antico.

Esortazione al coraggioModifica

IncipitModifica

Τεθνάμαι γὰρ καλὸν ἐνὶ προμάχοισι πεσόντα ἄνδρ' ἀγαθόν, περὶ ᾗ πατρίδι μαρνάμενον.

Fruttero & LucentiniModifica

È bello per il valoroso morire in prima fila, combattendo per la patria. Non c'è sorte più miseranda, invece, che dover abbandonare la propria città e i propri fertili campi per andarsene ramingo e mendicante con la cara madre e il vecchio padre, con la moglie e i piccoli figli.
[Dalle Elegie, "Frammento n. 10", citato in Fruttero & Lucentini, Íncipit, Mondadori, 1993]

PontaniModifica

Giacere morto è bello, quando un prode lotta per la sua patria e cade in prima fila.

CitazioniModifica

  • È un bene comune per la città e tutto il popolo chi resta saldamente attestato in prima fila.

Citazioni su TirteoModifica

Altri progettiModifica