Apri il menu principale

Sulley Muntari

calciatore ghanese
Sulley Muntari

Sulley Ali Muntari (1984 – vivente), calciatore ghanese.

Citazioni di Sulley MuntariModifica

  • Francesco è tanta roba. Per il calcio, per la Serie A, per tutti i calciatori. Anche per noi che arriviamo dall'Africa. È un simbolo universale, mondiale. Totti va sempre rispettato. Qualsiasi cosa sia accaduta in Juventus – Roma, Totti ha il diritto di parlare e tutti hanno il dovere di ascoltarlo. Lui è il Calcio. Così come lo sono Pirlo, Buffon, Ibrahimovic... Quando parlano campioni di questo livello bisogna restare solo zitti e ascoltarli. Se Totti parla, bisogna portargli rispetto, qualunque sia il suo pensiero.[1]
  • [Sul suo gol non convalidato in Milan - Juventus del 2012] Io non sono completamente d'accordo che quel gol non visto abbia impedito al Milan di conquistare il secondo scudetto consecutivo. In realtà sono stati bravi gli juventini a crederci mentre noi abbiamo perso il campionato per piccole cose. Il mio gol, anche se fosse stato convalidato, non avrebbe cambiato niente.[1]
  • [Su Filippo Inzaghi] Lui vive dentro il calcio, non ti fa respirare un secondo, ti sta sul collo. Io personalmente sono molto contento di averlo come allenatore. Da due anni e mezzo non avevamo più un'idea di gioco... Con lui fin dal primo allenamento siamo riusciti a capire la gestione del pallone, come dovevamo giocare e rapportarci fra i reparti. Noi centrocampisti adesso sappiamo quello che dobbiamo fare.[1]

Citazioni su Sulley MuntariModifica

  • Gli immigrati che lavorano bene sono i benvenuti. Quindi Muntari può tornare a casa. (Matteo Salvini)

NoteModifica

  1. a b c Da un'intervista rilasciata al Corriere dello Sport; citato in Juventus-Roma, Muntari sta con Totti: "Lui è il Calcio, tutti hanno il dovere di ascoltarlo", Goal.com, 10 ottobre 2014.

Altri progettiModifica