Stanley Cavell

filosofo statunitense

Stanley Cavell (1926 – 2018), filosofo statunitense.

  • La fotografia ha permesso di superare la soggettività in modi sconosciuti alla pittura, in un modo che non può soddisfare la pittura, in un modo in cui non è tanto la resa dell'atto di dipingere quanto una fuga da questo, attraverso l'automatismo, e la rimozione dell'agente umano dal processo di riproduzione.[1]
Stanley Cavell, 2015

NoteModifica

  1. Citato in Jay David Bolter, Richard Grusin, Remediation. Competizione e integrazione tra media vecchi e nuovi, Guerini e associati, Roma, 2002, p. 49.

Altri progettiModifica