Apri il menu principale

Squadra antitruffa

film del 1977 diretto da Bruno Corbucci

Squadra Antitruffa

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Squadra Antitruffa

Lingua originale italiano
Paese Italia
Anno 1977
Genere Poliziesco
Regia Bruno Corbucci
Sceneggiatura Mario Amendola, Bruno Corbucci
Produttore Galliano Juso
Interpreti e personaggi

Squadra Antitruffa, film italiano del 1977 con Tomas Milian, regia di Bruno Corbucci.

FrasiModifica

  • E salutame Diego der Paraguay, er protettore de quelli che 'n c'azzeccano mai. (Giraldi)
  • 'O chiamano Venticello perché scureggia sempre; è de pelle corta, basta che chiude l'occhi. (Giraldi)
  • Er cane de Mustafa era quello che ce l'aveva 'nder culo e diceva che stava a scopa'. (Giraldi)
  • Levateme i braccialetti! (delinquente ammanettato)
  • [Venticello da del fijo de mignotta a Giraldi] Tu prima de parla' dde me te devi lava' la lingua! (Giraldi)
  • E pé 'n'paro de mijoni vengono a rompere i cojoni. (Giraldi)
  • Angelo Tornabuoni, el re d'ii frocioni. (Giraldi)
  • A sor Pinare' certo che quanno lei scopa je possono pure portà via casa eh? (Giraldi)
  • [ Giraldi parla con un omosessuale] Ce caghi ogni tanto cor culo? (Giraldi)
  • Adesso prenni un po de acqua Pejo e poi vedrai che te senti mejo. (Giraldi)
  • Ipponatte era quello che magnava 'a ricotta e pisciava caffellatte. (Giraldi)
  • Cor pacchetto der cinese fic fic per un mese. (Giraldi)
  • Io c'ho un figlio e sette mogli a carico, cioè 'na moglie e sette figli a carico! (Giraldi)
  • Chi 'a vo' cruda o chi 'a vo' cotta, siete tutti dei gran figli de mignotta. (Giraldi)
  • Chi 'a vo' rotta o chi 'a vo' sana, lei resta sempre 'n gran fijo de puttana. (Giraldi)
  • No, mi' madre faceva la cameriera a mezzo servizio, come faceva a fregarli tutti e due, ne poteva frega' uno solo! (Giraldi)

DialoghiModifica

  • Gargiulo: Maresciallo chi sarà la donna uccisa insieme a Pinarelli?
    Giraldi : Sarà na mignotta!
    Gargiulo : Ma non potrebbe essere la moglie?
    Giraldi : Ma te pare che n'omo dell'età de questo scopa ancora ca moglie!
  • Clayton: Ma sei sicuro che quello è lui?
    Giraldi: Sì, me so 'nformato. Ma t'avverto che se co' sto piano tuo facciamo 'n'artra toppata te manno a Londra co' 'n volo a reazione.
    Clayton: Tu paghi l'aereo?
    Giraldi: No, te metto 'n razzo ner culo.
  • Clayton: Lei mi aveva scambiato per un culàttone.
    Giraldi: No, solo pe uno che lo piglia nel derètano.
  • Venticello: Mannaggia la mignotta...
    madre di venticello: Che me hai chiamato?
    Venticello: Ma che t'ho chiamato, m'è cascata 'a schedina dentro er caffellatte.
    madre di Venticello: Ma quanto sei bambacione, nun stai mai attento a quello che fai nun stai; me pari 'na creatura! eh!
  • madre di Venticello: Io faccio 'i spaghetti ala scoreggiona.
    Venticello: Perché viene pure zia Fernanda?
  • Venticello: Mannaggia la miseriaccia zozza... mò che ce devo fa co' sta schedina? Me ce pulisco er culo! Ho sempre giocato senza vince mai e vado a vince proprio oggi che devo annà all'estero. [Venticello si rivolge ad un passante per truffarlo con una schedina falsa] Che lo volete fa voi 'sto affare? Guardate qua che corpo de fortuna, ho fatto 'n tredici secco gajardo, guardate; co' la Juventus che ha beccado da l'Atalanta.
    sig. Baruffaldi: L'Atalanta l'ha vint'? Ma l'è la squadra del mio cuore, viva l'Atalanta!
    Venticello: Lei è contento che ha vinto l'Atalanta, ma io me la devo pija comunque nder culo perché devo annà a Disneyland. Guarda qua, un tredici da ducento milioni, un tredici da ducento milioni!! [Venticello si rivolge ad un venditore di biglietti del treno] Che lo vò comprà lei cassiere? Se lo compri lei che c'ha 'n cassetto pieno de sordi.
    cassiere: Ma che dice? Magari fossero soldi miei... può lasciarla a qualcuno in famiglia.
    Venticello: Nun c'ho nessuno, stanno tutti in Australia, me stanno aspettà. M'hanno mandado pure er biglietto per raggiungerli. [Venticello si avvicina al Baruffaldi] C'è nessuno che se la vo' comprà? M'ha sputato n'faccia la fortuna, ncinque mijoni! Se la compri lei che è tifoso dell'Atalanta.
    [arriva Nasone, il complice di venticello]
    Nasone: Un momento! Per cinque milioni comprerò io questa schedina, posso vedere? [Nasone guarda la schedina con aria circospetta] Però è necessario io telefoni prima al 110 per assicurarmi che i risultati siano quelli giusti.
    venticello: Telefoni, telefoni, glielo do io er gettone. Tanto a me in Australia non mi serve.
    Nasone: Grazie mille.
    sig. Baruffaldi: Ma scusi signore l'affare l'aveva offerto a me.
    Nasone: Troppo tardi signore, l'affare lo faccio io! Con permesso.
    sig. Baruffaldi: Ma scusi senta ma, telefono io!
    [il sig. Baruffaldi strappa di mano il telefono al Nasone]
    Ma guarda questo pirla che si mette di mezzo. Pronto signorina mi potrebbe dire i risultati di calcio?
    Venticello: Ma ve volete sbrigà che a me parte l'aereo?
    sig. Baruffaldi: Ma porca vacca, è un tredici tondo questo!
  • er Fibbia: Ma nun se meraviglia pe' gnente che ho fatto er pieno con l'acqua?
    Giraldi: No.
    er Fibbia: E perché?
    Giraldi: Perché io er pieno lo faccio de stronzi.
  • Ballarin: Cosa ghe se il gaggio?
    Giraldi: Gaggio è chi magna 'a merda convinto che è formaggio.
  • Tozzi: E tu vai a parlà aa televisione? Ma nun me fa ridere... se sai dì solo parolacce?
    Giraldi: Ma quanno mai a Tozzi, ma quali parolacce? Ma vaffanculo tu e quello svuotacessi de inglese.
  • Milady: Che sei l'idraulico?
    Giraldi: Sì. Se vuoi te metto apposto er tubo de scarico.
  • Milady: Ma che sei un poliziotto?
    Giraldi: Sì, So d'a squadra antifroci.
  • Milady: Voi venì stasera a casa mia?
    Giraldi: Che c'hai da offrì, che c'hai da offrì?
    Milady: Un sacco de bella roba esotica fra cui un serpente così lungo!
    Giraldi: Quello te lo schiaffo 'nder culo!
  • tassista: Senta 'n po, ma mica me farà passa' quarche guaio. Se questo se mette a sparà?
    Clayton: Non si preoccupi, stia tranquillo. È proprio per evitare reazioni violente che noi operiamo con astuzia.
    tassista: Mi zia? Ma quale zia? Ma che c'entra mì zia?

Altri progettiModifica