Differenze tra le versioni di "Un sacco bello"

==Dialoghi==
*'''Mario''': Ma 'n padre pò avè un fijio così, senza 'na casa, senza 'na famijia, co 'e pezze ar culo, ai semafori a chiede l'elemosina?!...E co 'sta stronza che so du' ore che sta a masticà! Ma che te ciancichi, aoh!!? <br /> '''Fiorenza''': Guarda che io a mi padre j'ho già sputato in faccia, attento, fascio, che nun ce metto niente! <br /> '''Mario''': A me fascio? Io fascio? A zoccolè, io mica so' comunista così, {{NDR|alza il pugno sinistro}} sa! So' comunista così!! {{NDR|alza entrambi i pugni}}
 
*'''Professore''': Per quel che mi riguarda io amo citare un episodio. Era l'inverno del 1959 che, fra parentesi, fu un inverno estremamente rigido, mio figlio Gabriele, che a quel tempo aveva quindici anni, non sopportando una mia giusta osservazione uscì di casa sbattendo la porta. Io allora lo raggiunsi e lo fissai negli occhi e gli dissi: domattina andrai a scuola senza scarpe, a piedi nudi! La sera stessa trovai sul cuscino del mio letto un biglietto: sapete cosa c'era scritto? <br /> '''Fiorenza''': A stronzo. Punto esclamativo.
 
*'''Ruggero''': {{NDR|parlando del padre}} Mo hai capito perché me ne so' annato de casa du' anni fa. <br /> '''Fiorenza''': 'a faccia der fascio ce l'ha. <br /> '''Ruggero''': Ma n'è manco fascio, magari fosse fascio, per lo meno avrebbe fatto 'na scerta na'a vita.
9

contributi