Differenze tra le versioni di "Isadora Duncan"

m
aggiungo Portale:Donne, ev. fix minori using AWB
m
m (aggiungo Portale:Donne, ev. fix minori using AWB)
 
[[ImmagineFile:Isadora Duncan portrait.jpg|thumb|Isadora Duncan]]
'''Angela Isadora Duncan''' (1878 – 1927), danzatrice statunitense.
 
 
==''La mia vita''==
*Un uomo o una donna che scrivessero la verità sulla propria vita farebbero una grande opera. Ma nessuno l'ha osato. [[Jean-Jacques Rousseau]] ha fatto per l'umanità questo supremo sacrificio; ha svelato il vero della propria anima, le sue azioni e i suoi pensieri più intimi. Il risultato ne fu un gran libro. [[Walt Whitman]] ha fatto dono della sua verità all'America. E vi è stato un tempo in cui la sua opera è stata condannata come «immorale». Tale aggettivo oggi ci sembra almeno assurdo!<br />Nessuna donna, poi, è mai stata sincera sulla propria vita. (prefazione, p. &nbsp;11)
*Il massimo poeta del nostro paese è [[Walt Whitman]]. Io ho scoperto la danza degna della lirica di Whitman. Io sono realmente la figlia spirituale di Whitman. (cap. 3, p. &nbsp;36)
*M'immersi nella lettura di quanto era stato scritto sull'arte della [[danza]] dagli antichi Egiziani ai nostri giorni, e prendevo nota di tutto su un quaderno; ma quando ebbi finito questo enorme lavoro; mi resi conto che i soli maestri di danza che io potessi avere erano il [[Jean-Jacques Rousseau|J. J. Rousseau]] dell'''[[Jean-Jacques Rousseau#Emilio o dell'educazione|Emile]]'', [[Walt Whitman]] e [[Friedrich Nietzsche|Nietzsche]]. (cap. 8, p. &nbsp;78)
*[[George Bernard Shaw|Bernard Shaw]] dice che finché gli uomini tortureranno ed uccideranno gli [[animale|animali]], e ne mangeranno la carne, ci sarà la [[guerra]]. Credo che ogni essere ragionevole debba essere di questo parere. Le bambine della mia scuola erano tutte [[vegetarianismo|vegetariane]] ed esse divenivano forti e belle con questo regime di legumi e di frutta. Qualche volta durante la guerra, quando sentivo le grida dei feriti, pensavo alle grida degli animali al [[mattatoio]], e mi dicevo che gli Dei ci torturano come noi torturiamo questi esseri senza difesa. Chi può amare quella terribile cosa che si chiama guerra? Senza dubbio i mangiatori di carne che, avendo già ammazzato, provano il bisogno di uccidere degli uccelli, degli animali, di cacciare delle volpi, di pugnalare dei cervi.<br />Il [[macellaio]] col suo grembiule sporco di sangue incita all'effusione del sangue, all'assassinio. Perché no? Dallo sgozzamento di un agnello a quello dei vostri fratelli e delle vostre sorelle, non vi è che un passo. Fin che serviremo noi stessi da tomba vivente agli animali assassinati, come possiamo sperare il regno della Pace sulla terra? (cap. 28, p. &nbsp;270)
==Note==
==Altri progetti==
{{interprogetto}}
 
{{Portale|donne}}
 
{{DEFAULTSORT:Duncan, Isadora}}
737

contributi