Salerno: differenze tra le versioni

460 byte rimossi ,  5 anni fa
senza fonte
(fonte incompleta e non abbastanza significativa da giustificare eccezione)
(senza fonte)
*Salerno è una piacevole scoperta, c'è fermento, cultura, una cultura che viene da lontano, che si respira nel paesaggio, nei monumenti, tra la gente. Non a caso è la città dove è nata e si è sviluppata la [[Scuola Medica Salernitana]]. E poi c'è questo Teatro, un esempio unico in Italia perché è un teatro libero dalle ingerenze dello Stato. ([[Franco Zeffirelli]])
*''Salerno, rima d'inverno, | o dolcissimo inverno. | Salerno, rima d'eterno.'' ([[Alfonso Gatto]])
*Sono altre quattro le città preminenti, Parigi nelle scienze, Salerno nelle medicine, Bologna nella legge, Orleans nelle arti attoriali. ([[San Tommaso d'Aquino]])
*Salerno sta diventando una realtá culturale proiettata a livello internazionale. Nel campo della comunicazione deve puntare sul concetto di durata e superare l'effimero della moda. Prendete la Cittadella giudiziaria di Chipperfield. Tra trecento anni sará ancora una grande testimonianza. ([[Massimo Vignelli]])
*Un altro disegno nacque la sera dalle finestre di Salerno ed esso mi risparmierà ogni descrizione di una terra deliziosa e fertilissima. Chi non sarebbe stato disposto a studiare in questa cittadina nel tempo in cui vi fioriva una università? ([[Johann Wolfgang von Goethe]])
*Sono altre quattro le città preminenti, Parigi nelle scienze, Salerno nelle medicine, Bologna nella legge, Orleans nelle arti attoriali. ([[San Tommaso d'Aquino]])
*Un altro disegno nacque la sera dalle finestre di Salerno ed esso mi risparmierà ogni descrizione di una terra deliziosa e fertilissima. Chi non sarebbe stato disposto a studiare in questa cittadina nel tempo in cui vi fioriva una università? ([[Wolfgang Goethe]])
 
=== [[Luigi Guercio]] ===
 
*Quando, sotto i dieci anni, arrivavo a Salerno qualche rara volta sulla solita barca da traffico, mi incantavo a guardare la lunga linea bianca dei palazzi, prospicienti al sole e al mare, con in mezzo la Prefettura, allora a due piani, dalla cui sommità arrivava il suon dell'ora, mentre la barca, ancora lontana, veniva lenta, afflosciata la vela, con lo stanco batter dei remi; e spalancavo gli occhi sulla statua bianca dei giardini, la prima che io vedessi, o sul treno che correva a mezza costa, anch'esso cosa nuova per me; soprattutto mi piaceva mirare questi monti, verdi di selve e bianchi di ville fin sotto le grigie cime; mi pareva avessero non so quale signorile nobiltà, in confronto con le squallide gobbe riarse di Tresino e Licosa. Più tardi, per oltre vent'anni, in sedi lontane, nelle isole, in Basilicata, a Lecce, a Piacenza, al Campobasso, a Pescara, per quanto mi dilettassi veder cose e costumanze nuove, Salerno mi appariva come uno di quei sogni i quali, perché troppo belli, son fatti per la rinuncia.
 
==Detti e motti==
*Si Salierno tenesse 'o puorto, Napule fosse muorto! (Detto popolare)
*Napule pe' grandezza, Salierno pe' bellezza. (Detto popolare)
 
==Note==