Differenze tra le versioni di "Palermo"

2 byte aggiunti ,  4 anni fa
*A Palermo è difficile distinguere i mafiosi dalle persone perbene. Io, per esempio, ogni volta che ci vado, qualunque faccia veda ho l'impressione che sia la faccia di un mafioso. ([[Silvio Berlusconi]])
*A Palermo ho ancora trovato una vitalità jazzistica straordinaria. ([[Renzo Arbore]])
*''A Palermo il versetto della cinquantacinquesima Sura: | Lodato sia Dio, Signore dei secoli. | A Palermo l’impercettibile smorfia cherubini | Sodoma brucia Simon Mago precipita. | A Palermo il selciato bagnato fradicio nerolava | Cavolo verdeveleno biancheria dei poveri al vento. | A Palermo i sepolcri porfido imperiale | Tunica ridotta a polvere corona e spada. | A Palermo i sospiri dei vecchi in salita | Con ceste colme d’erba gocciolante. | A Palermo la chiesa che luccica scrigno di gioielli | Gelsomini ramificati alla fontana.'' [...] ([[Marie Luise Kaschnitz]])
*A Palermo la rossa, a Palermo la bambina. Rossa, Palermo, come immaginiamo fosse Tiro o Sidone, fosse Cartagine, com'era porpora dei Fenici; di terra rossa e grassa, con polle d'acqua, da cui alto e snello, pieghevole ai venti, s'erge il palmeto fresco d'ombra, eco e nostalgia di oasi, verde: moschea, tappeto di ristoro e di preghiera, immagine dell'eterno giardino del Corano. Bambina perché dormiente e ferma, compiaciuta della sua bellezza, perché da sempre dominata da stranieri, e dominata soprattutto dalla madre, la fatale madre mediterranea che blocca i figli in un'eterna adolescenza. S'adagia, rigogliosa e molle, su una felice conca. ([[Vincenzo Consolo]])
*A Palermo non mancano artisti modernissimi, non mancano gli ingegni che potrebbero dare un buon incremento artistico e lustro alla Sicilia, mancano piuttosto i contatti diretti con i centri e i critici più importanti d'Italia, manca un indirizzo unico; gli artisti si disperdono, mancano i mecenati del cervello, manca l'interessamento sincero da parte di coloro che innalzano o distruggono per vecchi rancori personali e che vorrebbero soffocare nel silenzio o nell'indifferentismo gli artisti dai quali si potrebbe sperare. ([[Pippo Rizzo]])
Utente anonimo