Differenze tra le versioni di "Francesco Dall'Ongaro"

+2
(sistemo)
(+2)
==Citazioni di Francesco Dall'Ongaro==
*''C'era una volta un re e una regina, | che al sol vederli passava la fame. | Viveano a starne, vestivan di trina, | per la felicità del lor reame. | Quando la gente non avea farina, | lo re diceva: mangiate pollame''. (da ''C'era una volta'')
*''E la [[Bandiera d'Italia|bandiera di tre colori]] | sempre è stata la più bella: | noi vogliamo sempre quella, | noi vogliam la libertà!'' (da ''[[s:La bandiera tricolore|La bandiera tricolore]]'')
*''Giammai, [[Eugène Rouher|signore]] è una parola snella: | un dì la nota e l'altro la cancella. | E c'è un proverbio nel nostro idioma: | tutte le vie ponno condurre a Roma. | E in onta al'' Chassepot ''che fa prodigi, | tutte le vie conducono a [[Parigi]]''. (citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 350)
*''Tutti uniti in un sol patto, | stretti intorno alla [[Bandiera d'Italia|bandiera]], | griderem mattina e sera: | viva, viva i tre color!'' (da ''[[s:La bandiera tricolore|La bandiera tricolore]]'')
*''Vo' colle trecce delle livornesi | farmi le materasse e gli origlieri''. (da ''Maria Antonia'', citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 249)