Differenze tra le versioni di "Antoine de Saint-Exupéry"

continuo a sistemare
(comincio a sistemare)
(continuo a sistemare)
<div style="text-align:center;"><big>'''''A Léon Werth'''''</big></div><br />
''Chiedo scusa ai bambini per aver dedicato questo libro a un adulto. Ho un buon motivo: questo adulto è il migliore amico che ho al mondo. Ho un altro motivo: questo adulto può capire tutto, anche i libri per bambini. Ho un terzo motivo: questo adulto abita in Francia, dove ha fame e freddo. Ha un gran bisogno di essere consolato. Se tutti questi motivi non bastano, voglio dedicare il libro al bambino che quest'adulto è stato molto tempo fa. Tutti gli [[adulto|adulti]] sono stati prima di tutto dei bambini. (Ma pochi di loro se lo ricordano). Quindi correggo la dedica:
<div style="text-align:center;"><big>'''''A Léon Werth'''''</big><br /><small>''quando era bambino''</small></div><br />
 
===Citazioni===
*Una volta, quando avevo sei anni, in un libro sulla foresta vergine intitolato ''Storie vissute'' ho visto un'illustrazione bellissima. Raffigurava un serpente [[boa (zoologia)|boa]] che divora una belva. Questa è la riproduzione del disegno. Il libro diceva: «I serpenti boa divorano la preda tutt'intera senza masticarla. Dopo non riescono più a muoversi e passano i sei mesi della digestione dormendo». (capitolo I, p. 7)
*Gli [[adulto|adulti]] da soli non capiscono niente, ed è stancante per i bambini dover sempre spiegare tutto. (capitolo I, p. 9)
*Disegnami una pecora!... (Piccolo principe: capitolo III, p. 11)
*IAgli grandiadulti amanopiacciono lei cifrenumeri. Quando voi gliraccontate parlateloro di un nuovo amico, mainon sivi interessanochiedono allemai le cose essenzialiimportanti. Non sivi domandano maidicono: «Qual Com'è il tonosuono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?» MaLe viloro domandanodomande sono: «CheQuanti etàanni ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?» AlloraSolo soltantoallora credonopensano di conoscerlo. (capitolo IV, p. 23)
*Se voi dite aiagli grandiadulti:" «Ho visto una bella casa indi mattoni rosa, con dei gerani alle finestre, e dei colombi sul tetto"...», loro non arrivanoriescono a immaginarselaimmaginarsi la casa. BisognaDovete dire: "«Ho visto una casa di centomila lire",franchi». e alloraAllora esclamano subito: "Com'è«Oh, che bella"!» (capitolo IV, p. 23)
*Al mattino, finita la toilette, bisogna occuparsi della toilette del pianeta. (Piccolo principe: capitolo V, p. 28)
 
 
 
*È molto più difficile [[giudicare]] se stessi che giudicare gli altri.
*Mi domando se le [[stelle]] sono illuminate perché ognuno possa un giorno trovare la sua.
*I grandi amano le cifre. Quando voi gli parlate di un nuovo amico, mai si interessano alle cose essenziali. Non si domandano mai: «Qual è il tono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?» Ma vi domandano: «Che età ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?» Allora soltanto credono di conoscerlo. (capitolo IV)
:''Les grandes personnes aiment les chiffres. Quand vous leur parlez d'un nouvel ami, elles ne vous questionnent jamais sur l'essentiel. Elles ne vous disent jamais: «Quel est le son de sa voix? Quels sont les jeux qu'il préfère? Est-ce qu'il collectionne les papillons?» Elles vous demandent: «Quel âge a-t-il? Combien a-t-il de frères? Combien pèse-t-il? Combien gagne son père?» Alors seulement elles croient le connaître.''
*Se voi dite ai grandi:"Ho visto una bella casa in mattoni rosa, con dei gerani alle finestre, e dei colombi sul tetto" loro non arrivano a immaginarsela. Bisogna dire: "Ho visto una casa di centomila lire", e allora esclamano: "Com'è bella".
*Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi. (capitolo XXI)
:''Voici mon secret. Il est très simple: on ne voit bien qu'avec le cœur. L'essentiel est invisible pour les yeux.''
*‎E quando si arrossisce, significa si', vero? È una sfumatura d'acquerello sulle guance, un tocco intimo, impudico e pungente che vale una conferma.
 
*Disegnami una pecora! (capitolo I)
:''Dessine-moi un mouton!''
 
 
*Quando hai finito di rassettarti di prima mattina, allora bisogna rassettare con la massima cura il pianeta. (capitolo V)
 
:''Quand on a terminé sa toilette du matin, il faut faire soigneusement la toilette de la planéte.''
 
*Mi piacciono molto i tramonti. Andiamo a vedere un tramonto... (capitolo VI)