Differenze tra le versioni di "Ugo Foscolo"

135 byte aggiunti ,  6 anni fa
sonetti
(divido i sonetti)
(sonetti)
*Lo [[stile]] assoluto e sicuro del libro dei Delitti e delle Pene e l'elegante trattato del [[Ferdinando Galiani|Galiani]] sulle Monete vivranno nobile ed eterno retaggio tra noi. (''Dell'origine e dell'ufficio della letteratura'', citato in [[Giuseppe Maffei]], ''Storia della Letteratura Italiana'', Vol. III, p. 50)
*''Ma se danza, | vedila! tutta l'armonia del suono scorre dal suo bel corpo, e dal sorriso | della sua bocca; e un moto, un atto, un vezzo | manda agli sguardi venustà improvvisa.'' (da ''Le Grazie'', vv. 117-121)
*''Né più mai toccherò le sacre sponde | ove il mio corpo fanciulletto giacque, | Zacinto mia, che te specchi nell'onde | del greco mar da cui vergine nacque | Venere'' [...] (''A Zacinto'', 1-5)
*Non so chi fui. (da "Di se stesso", ''Sonetti'', citato in [[Fruttero & Lucentini]], ''Íncipit'', Mondadori, 1993)
*O Italiani, io vi esorto alle storie. (da ''Dell'origine e dell'ufficio della letteratura'', citato in [[Giuseppe Fumagalli]], ''[[s:Indice:Chi l'ha detto.djvu|Chi l'ha detto?]]'', Hoepli, 1921, p. 558)
*Te dunque, o [[Napoleone Bonaparte|Bonaparte]], nomerò con inaudito titolo <small>LIBERATORE DI POPOLI E FONDATORE DI REPUBBLICA</small>. Così tu alto, solo, immortale, dominerai l'eternità, pari agli altri grandi nelle gesta e ne' meriti, ma a niuno comparabile nella intrapesa di fondare nazioni. (da ''Orazione a Bonaparte per il congresso di Lione'', 1802)<ref>Citato in [[Luciano Canfora]], ''Esportare la libertà'', cap. II, p. 25.</ref>
*''Tornino i grandi | Occhi fatali al lor natio sorriso''. (da ''Le Grazie'', inno III, v. 276-277)
*''Tu non altro che il canto avrai del figlio, | o materna mia terra, a noi prescrisse | il fato illacrimata sepoltura.'' (da ''A Zacinto'')
*''Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo | di gente in gente, me vedrai seduto | su la tua pietra, o fratel mio, gemendo | il fior de' tuoi gentili anni caduto. '' (da ''In morte del fratello Giovanni'')
*Una parte degli uomini opera senza pensare, l'altra pensa senza operare. (da ''Sull'origine e i limiti della giustizia'')
 
*''Forse perché della fatal quïete | tu sei l'immago a me sì cara vieni | o [[Sera]]!'' (''[[s:Sonetti (Foscolo)/Alla sera|Alla sera]]'', vv. 1-3)
*''Amor fra l'ombre inferne | seguirammi immortale, onnipotente.'' (''[[s:Sonetti (Foscolo)/Meritamente|Meritamente]]'', vv. 13-14)
*''Né più mai toccherò le sacre sponde | ove il mio corpo fanciulletto giacque, | Zacinto mia, che te specchi nell'onde | del greco mar da cui vergine nacque | Venere'' [...] (''[[s:Sonetti (Foscolo)/A Zacinto|A Zacinto]]'', vv. 1-5)
*[...] ''bello di fama e di sventura | Baciò la sua petrosa Itaca [[Ulisse]]''. (''[[s:Sonetti (Foscolo)/A Zacinto|A Zacinto]]'', vv. 10-11)
*''Tu non altro che il canto avrai del figlio, | o materna mia terra, a noi prescrisse | il fato illacrimata sepoltura.'' (da ''[[s:Sonetti (Foscolo)/A Zacinto|A Zacinto]]'', vv. 12-14)
*''Un dì, s'io non andrò sempre fuggendo | di gente in gente, me vedrai seduto | su la tua pietra, o fratel mio, gemendo | il fior de' tuoi gentili anni caduto. '' (da ''[[s:Sonetti (Foscolo)/In morte del fratello Giovanni|In morte del fratello Giovanni]]'', vv. 1-4)
*''Breve è la vita, e lunga è l'arte.'' (''[[s:Sonetti (Foscolo)/Che stai?|Che stai?]]'', v. 12)