Differenze tra le versioni di "Martin Buber"

530 byte aggiunti ,  8 anni fa
*Quanto di grande e di santo è stato compiuto ha per noi valore di esempio perché ci mostra con grande evidenza cosa sono grandezza e santità, ma non è un modello da ricalcare.
*Tutti gli uomini hanno accesso a Dio, ma ciascuno ha un accesso diverso.
*Gli uomini con i quali viviamo o che incrociamo in ogni momento, gli animali che ci aiutano nel lavoro, il terreno che coltiviamo, i prodotti della natura che trasformiamo, gli attrezzi di cui ci serviamo, tutto racchiude un'essenza spirituale segreta che ha bisogno di noi per raggiungere la sua forma perfetta, il suo compimento.
*Ecco ciò che conta in ultima analisi: lasciar entrare Dio. Ma lo si può lasciar entrare solo là dove ci si trova, e dove ci si trova realmente, dove si vive, e dove si vive una vita autentica.
 
{{NDR|Martin Buber, ''Il cammino dell'uomo'', tradotto da Gianfranco Bonola, Qiqajon, 1990}}
52

contributi