Differenze tra le versioni di "Angelo Di Costanzo"

*''Quanto quel cieco [[desiderio]] ardente, | Ch'a cercar il mio mal m'è guida e scorta, | Di qua di là vagando in van mi porta, | Tanto ha riposo sol l'inferma mente''. (da ''Sonetto CIII'')
*''...se non simiglia [[Immagine|immagin]] pinta, | Imputar non si dee punto a la vera; | Ma solo al mal [[Pittore|pittor]] che l'ha dipinta''. (da ''Sonetto CIV'')
*''[[Berardino Rota|Rota]], gentil, che della gloria vera | A sì gran passi il calle erto varcate, | Che per buon spazio addietro vi lasciate | De' spirti bei la più lodata schiera; | Io qui, dove [[Appennini|Apennin]] la fronte altera | Mostra carca di neve a mezza eslateestate, | Di mano uscito a l'empia crudeltate | Di donna assai più ch'orsa atroce e fiera, | Fo con nuovi pensieri aspre battaglie. (da ''Sonetto'' CXIV)
*''Languia la gran [[Vittoria Colonna|Colonna]], e Amor con lei, | Dal cui bel viso mai non si diparte, | Da cruda febbre travagliato, e in parte | Stanco di saettare uomini, e Dei; | Quando dal terzo ciel scesa Colei, | Che in cielo, in terra, e in mare ha tanta parte, | La vide, e tra se disse : or per guai arte | Non so io son Ciprigna, e se costei? | Certo [[Amore|Amor]] che solca sempre esser meco | Mi dona a diveder che non son'io; | Poiché si strettamente il veggio seco, | Anzi mi par sia più possente [[Dio]] | Nella sua faccia, cosi infermo, e cieco. | Che sano esser non suol nel volto mio''. (''Sonetto CXV'')
*''Innanzi tempo, ahi! caso acerbo e duro, | Quando del suo valor più si godea, | N'ha tolto [[morte]] invidiosa e rea, | Per far più che l'abisso il mondo oscuro''. (da ''Sonetto XVII'')
*''Il [[Sole|sol]], che chiaro a tutti gli altri splende, | A me d'oscurità velato appare. (da ''Stanze I'')
*''Lasciando con la [[patria]] ogni conforto, | Ove più l'[[Appennini|Appennin]] la neve agghiaccia, | Carco n'andrò di così gravi some'', | Chiamando [[morte]], e te sola per nome. (da ''Stanze I'')
 
==Citazioni su Angelo di Costanzo==
*''Dunque è morto il Costanzo? or chi più vostro | Fia duce, o sacri ingegni? e chi v'addita | D'onor la via, se col suo piè partita | Virtù sen riede al sempiterno chiostro? | Voi, che a dolervi, o muse, al dolor nostro | Comun lamento e proprio danno invita, | Spargete, estinto lui che vi diè vita, | Per gl'occhi pianto e per le penne inchiostro. | E tu, tante tue glorie in breve speco | Rinchiuse in un con l'onorata salma, | Sospira, o Mondo impoverito e cieco. Sol morte lieta di sì chiara palma. Trionfi intanto e goda, e godan seco | La Terra che ha le membra, e 'l Ciel ch' ha l'alma''. ([[Giovan Battista Marino]])
15 808

contributi