Differenze tra le versioni di "Achille Occhetto"

nessun oggetto della modifica
(elimino frasetta non originale, ho diversi riferimenti prima del 1994)
==Citazioni di Achille Occhetto==
*La Rivoluzione d'Ottobre ha aperto le porte al riscatto di intere porzioni dell'umanità, oppresse, sfruttate, governate da regimi dispotici. (23 gennaio 1989, da ''Un indimenticabile '89'')
*La sinistra unita e al governo resta un sogno. Eppure ci siamo andati vicini di un soffio. Quando? Il 27 marzo del 1994. Può sembrare un paradosso ma non lo è. Quel giorno, se avessimo completato la maturazione istituzionale, se avessimo davvero riformato le regole, se ci fosse stato il doppio turno e un candidato-presidente da presentare agli elettori, la destra non avrebbe vinto. (citato in ''[http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1996/01/09/in-italia-uno-cosi-non.html In Italia uno così non c'è mai stato]'', La Repubblica, 9 gennaio 1996)
*{{NDR|Parlando di [[Antonio Tatò]]}} La sua vita, lo stile, le azioni e i risultati del lavoro di Tonino, in tutti questi anni, sono un esempio della politica vissuta come passione. Come attenzione alle cose della vita, alle sofferenze e alle ingiustizie della vita, e come volontà di incidere su di esse, di cambiare realmente, di intervenire in ogni momento negli aspetti più minuti della vita politica. Era anche attenzione nel valutare la realtà per quel che è, le relazioni, i rapporti di forza, anche, per quel che sono, e la convinzione che non ci si possa, però, limitare a registrarli, ma che la politica ha invece senso solo se su di essi si interviene, appunto per modificarli, per introdurre la novità. La sua casa era diventata, per i segretari del Pci prima e del Pds dopo, centro di incontri politici ad alto livello, incontri nei quali si respirava la volontà della politica – di quella politica che aveva fatto questa Repubblica – di ritrovare il respiro antico del progetto democratico. Ma ciò avveniva sempre in rapporto alle masse, avremmo detto un tempo, agli interessi, ai bisogni delle donne e degli uomini in carne ed ossa. Perché fuori di questo riferimento, di questo ancoraggio, non vi è reale creatività politica. Questa intuizione dell'agire politico, ne sono convinto, è il filo rosso che unisce l'esperienza di Tonino partigiano, militante nella Sinistra cristiana, nel sindacato, nel Pci, nel Pds. (dal discorso riportato dall'Agenzia DIRE, supplemento al n. 218/21, novembre 1992, p. 5)
 
383

contributi