Alfred North Whitehead: differenze tra le versioni

+paragrafo senza fonte
m (wlink)
(+paragrafo senza fonte)
'''Alfred North Whitehead''' (1861 – 1947), matematico e filosofo britannico.
 
*A parte per la rude verità, le nostre vite affondano decadentemente tra i profumi di accenni e suggerimenti.
*Accadono fatti molto comuni, e l'umanità non se ne preoccupa. È necessaria una mente molto atipica per intraprendere l'analisi dell'[[ovvio]]. (da ''Science and the modern world'')
*Ammettiamo che lo scopo della matematica è una divina pazzia dello spirito umano, un rifugio dagli stimoli e dall'urgenza degli avvenimenti contingenti.
*[[Arte]] è imporre un disegno all'esperienza, e il nostro godimento estetico sta nel riconoscere quel disegno. (da ''Dialogues of Alfred North Whitehead'')
*Il progresso della Scienza consiste nell'osservare le interconnessioni e mostrare con un paziente ingegno che gli eventi di questo mondo continuamente cangiante sono soltanto esempi di alcune relazioni generali, chiamate leggi. Vedere il generale nel particolare, e il permanente nel transitorio, è lo scopo del pensiero scientifico. (da ''Una introduzione alla Matematica'')
*La scienza della matematica pura, nei suoi sviluppi moderni, può aspirare a definirsi la creazione più originale dello [[spirito]] umano. (da ''Science and the modern world'')
*La [[vita]] è un'offensiva diretta contro il meccanismo ripetitivo dell'universo. <ref name="multi">{{Rif|2}}</ref>
*L'uomo che basta a se stesso, con particolarità che non riguardano nessuno, è un concetto senza valore per la civiltà moderna. (da ''Avventure delle idee'')
*Una definizione generale della civiltà: una società civile si adorna delle cinque qualità di verità, bellezza, avventura, arte, pace. (da ''Avventure delle idee'')
 
==Senza fonte==
{{Senza fonte}}
*Cerca la [[semplicità]], e diffida da essa.
*Ammettiamo che lo scopo della matematica è una divina pazzia dello spirito umano, un rifugio dagli stimoli e dall'urgenza degli avvenimenti contingenti.
*A parte per la rude verità, le nostre vite affondano decadentemente tra i profumi di accenni e suggerimenti.
*C'è una tradizione di opposizione fra i seguaci dell'induzione e della deduzione. A mio parere questo sarebbe sensato proprio come lo è per due estremità di un verme litigare tra loro.
*È più importante che una proposizione sia interessante, piuttosto che vera. Questa affermazione è quasi una tautologia. L'energia operativa di una proposizione nell'occasione della sua esperienza è il suo interesse, ed è la sua importanza. Ma naturalmente è più facile che sia interessante una proposizione vera piuttosto che una falsa.
*Il [[progresso]] delle scienza consiste nell'osservare interconnessioni e nel mostrare con paziente ingegnosità che gli eventi di questo mondo sempre in cambiamento non sono altro che esempi di poche relazioni generali, chiamate leggi. Distinguere ciò che è generale da ciò che è particolare, e ciò che è permanente da ciò che è transitorio, è il fine del pensiero scientifico.
*I progressi fondamentali hanno a che fare con la reinterpretazione delle idee di base.
*Il progresso della Scienza consiste nell'osservare le interconnessioni e mostrare con un paziente ingegno che gli eventi di questo mondo continuamente cangiante sono soltanto esempi di alcune relazioni generali, chiamate leggi. Vedere il generale nel particolare, e il permanente nel transitorio, è lo scopo del pensiero scientifico. (da ''Una introduzione alla Matematica'')
*L'[[algebra]] rovescia l'importanza relativa dei fattori nel linguaggio ordinario. È essenzialmente un linguaggio scritto, e si sforza di esemplificare nelle sue strutture scritte i modelli che è il suo scopo trasmettere. Il modello dei segni sulla carta è un caso particolare di quello che deve essere trasmesso al pensiero. Il metodo algebrico è il nostro migliore approccio all'espressione della necessità, a causa della sua riduzione dell'accidente al carattere da fantasma della variabile reale.
*L'algebra è lo strumento intellettuale che è stato creato per rendere chiari gli aspetti quantitativi del mondo.
*La [[pace]] come scopo deliberato molto facilmente si trasforma nel suo sostituto degenere, l'anestesia.
*La [[scienza]] che esita a dimenticare i suoi fondatori è perduta.
*La scienza della matematica pura, nei suoi sviluppi moderni, può aspirare a definirsi la creazione più originale dello [[spirito]] umano. (da ''Science and the modern world'')
*La [[vita]] è un'offensiva diretta contro il meccanismo ripetitivo dell'universo. <ref name="multi">{{Rif|2}}</ref>
*Le nostre menti sono finite, e nonostante queste condizioni di finitezza siamo circondati da possibilità che sono infinite, e lo scopo della vita è di afferare il più possibile da questa infinità.
*Lo studio della matematica ha la tendenza di iniziare con un disappunto... Ci dicono che con il suo aiuto si possono pesare le stelle e contare i miliardi di molecole in una goccia d'acqua. Eppure, come il fantasma del padre di Amleto, questa grandissima scelta sfugge agli sforzi delle nostre armi mentali per afferrarla.
*L'uomo che basta a se stesso, con particolarità che non riguardano nessuno, è un concetto senza valore per la civiltà moderna. (da ''Avventure delle idee'')
*Nei tempi moderni la credenza che la spiegazione ultima di tutte le cose potesse essere trovata nella matematica newtoniana era un segno premonitore della verità che tutta la scienza, mentre tende alla perfezione, diventa matematica nelle sue idee.
*Nella scelta di un [[cavallo]] o di una moglie un uomo dovrebbe accontantare se stesso, ignorando le opinioni e i consigli degli amici.
*Regola sicura: quando un matematico o un filosofo scrive cose nebbiosamente profonde, enuncia delle assurdità.
*Sollevando il cervello da tutto il lavoro non necessario, una buona notazione ci lascia liberi di concentrarci su problemi più avanzati, e in effetti incrementa il potere mentale della razza.
*Una definizione generale della civiltà: una società civile si adorna delle cinque qualità di verità, bellezza, avventura, arte, pace. (da ''Avventure delle idee'')
*''Uno e uno fa due'' assume che i cambiamenti quando le circostanze mutano non sono importanti. Ma per noi è impossibile analizzare questa nozione di cambiamento non importante.
 
9 021

contributi