Dipinto: differenze tra le versioni

476 byte aggiunti ,  2 anni fa
+3
(+3)
(+3)
*Dire di un dipinto, come spesso si dice in sua lode, che rivela un lungo e serio lavoro, equivale a dire che è incompleto e non avrebbe dovuto essere esposto alla vista. ([[James Abbott McNeill Whistler]])
*Ha venduto i dipinti. Poi ha venduto le foto dei dipinti. Poi ha venduto le cartoline con le foto dei dipinti. (''[[Big Eyes]]'')
*I quadri: immagini senza vita fatte di schifezze appiccicose colorate. (''[[I Simpson (quinta stagione)|I Simpson]]'')
*Il dipinto è il mio palcoscenico, e gli uomini e le donne i miei attori che si esibiscono in uno spettacolo "muto". ([[William Hogarth]])
*La costruzione dei quadri è stupidamente tradizionale. I pittori ci hanno sempre mostrato cose e persone poste davanti a noi. Noi porremo lo spettatore nel centro del quadro. (''[[Manifesti futuristi]]'')
*La prima virtù per un dipinto è di essere una gioia per gli occhi. ([[Eugène Delacroix]])
*Le opere dipinte direttamente sul luogo posseggono un potere e una vivacità che non possono essere riprodotte nell'atelier. ([[Eugène Boudin]])
*Non puoi mangiare il [[Mochi (gastronomia)|mochi]] che è in un dipinto.<ref>In lingua originale: «絵に描いた餅は食えぬ». Le rappresentazioni artistiche non vanno confuse con la realtà.</ref> ([[proverbi giapponesi|proverbio giapponese]])
*Per me un quadro è l'articolazione di una preghiera, un mezzo magico per raggiungere l'al di là, in seno al mondo. ([[Pierre Drieu La Rochelle]])
*Quando dipingo, non sono consapevole di ciò che sto facendo. È solo dopo una specie di periodo di «convivenza» con il mio quadro che mi rendo conto di ciò che ho fatto. Non ho nessun timore di apportare modifiche, distruggere l'immagine, ecc., perché il dipinto ha una vita a sé. Per me, cerco di farlo nascere. È solo quando perdo il contatto con il quadro che nasce fuori un pasticcio. Altrimenti c'è una pura armonia, la mia attività si imposta in base a un agevole dare e prendere, e il dipinto viene fuori bene. ([[Jackson Pollock]])
*Vorremmo che certi dipinti ci invitassero dentro il quadro per partecipare al loro modo di essere. ([[Nicolás Gómez Dávila]])