Silvia Toffanin

conduttrice televisiva ed ex modella italiana

Silvia Toffanin (1979 – vivente), conduttrice televisiva italiana.

Citazioni di Silvia ToffaninModifica

  • A 14 anni, con i soldi dei primi lavori, servizi fotografici per cataloghi di negozi della zona, in genere tute da sci, compravo i vestiti. Mia madre ha conservato di sicuro i cataloghi. Me ne sono andata di casa che avevo sulla parete i poster di Claudia Schiffer, sul letto i pupazzi, ed è ancora tutto lì. La mia cameretta è rimasta intatta.[1]
  • Alcune volte sento fortissima la tensione. Il rischio in certe situazioni delicate è quello di fare domande troppo "invadenti". A volte è meglio tacere, anziché dire una parola di troppo. Quando una mamma ti racconta della perdita di un figlio o quando una donna ti racconta della sua malattia, per me è impossibile non farmi coinvolgere dalle emozioni.[1]
  • I primi amori? Direi nessuno, con mio padre geloso. In paese si usava che i ragazzi, le comitive citofonassero per dire "scendi". Rispondeva mio padre, e ogni volta: "Silvia non c’è". Non mi faceva uscire. Ogni tanto mi permetteva di andare in discoteca, a condizione che mi accompagnasse lui. Mi aspettava chiuso in macchina nel parcheggio. Inutile dirgli di andarsene a casa per tornare a riprendermi. Non si muoveva da lì.[2]
  • Personalmente, mi tengo lontana dai social e ritengo che sia fondamentale insegnare ai bambini fin da piccoli a rispettare tutti, insegnare alle ragazze a difendersi dalle molestie e dire loro che l’amore prima di tutto è rispetto.[1]
  • Vai, viaggia, diceva mamma. Non fare come me che sono rimasta qui. Lo stesso mio padre. Era come se mi stesse dicendo: Io ti ho insegnato a camminare, ora tocca a te.[1]

NoteModifica

  1. a b c d Citato in Chiara Dalla Tommasina, Silvia Toffanin, da Letterina a primadonna in tv. Dove spicca sulle colleghe grazie a classe e garbo, Iodonna.it, 2 marzo 2021.
  2. Citato in Maria Aiello, Silvia Toffanin, passato di paura. Il retroscena della regina di Verissimo, meteoweek.com, 2 settembre 2020.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica