Sicon

personaggio biblico, sovrano amorreo

Sicon, personaggio biblico, sovrano amorreo.

Citazioni su SiconModifica

  • Chesbòn infatti era la città di Sicon, re degli Amorrèi, il quale aveva mosso guerra al precedente re di Moab e gli aveva tolto tutto il suo paese fino all'Arnon. Per questo dicono i poeti: "Entrate in Chesbòn! | Ben costruita e fondata | è la città di Sicon! | Perché un fuoco uscì da Chesbòn, | una fiamma dalla città di Sicon | divorò Ar-Moab, | inghiottì le alture dell'Arnon. | Guai a te, Moab, | sei perduto, popolo di Camos! | Egli ha reso fuggiaschi i suoi figli | e le sue figlie ha dato in schiavitù | al re degli Amorrèi Sicon". (Numeri)
  • Colpì grandi sovrani, | perché il suo amore è per sempre. | Uccise sovrani potenti, | perché il suo amore è per sempre. | Sicon, re degli Amorrei, | perché il suo amore è per sempre. (Salmi)
  • Israele mandò ambasciatori a Sicon, re degli Amorrèi, per dirgli: "Lasciami passare per il tuo paese; noi non devieremo per i campi, né per le vigne, non berremo l'acqua dei pozzi; seguiremo la via Regia finché abbiamo oltrepassato i tuoi confini". Ma Sicon non permise a Israele di passare per i suoi confini; anzi radunò tutta la sua gente e uscì contro Israele nel deserto; giunse a Iaas e diede battaglia a Israele. Israele lo sconfisse, passandolo a fil di spada, e conquistò il suo paese dall'Arnon fino allo Iabbok. (Numeri)

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica