Apri il menu principale

Shortbus - Dove tutto è permesso

film del 2006 diretto da John Cameron Mitchell

Shortbus - Dove tutto è permesso

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

Shortbus

Lingua originale inglese
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2006
Genere drammatico
Regia John Cameron Mitchell
Sceneggiatura John Cameron Mitchell
Produttore John Cameron Mitchell
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Shortbus – Dove tutto è permesso, film statunitense del 2006 di John Cameron Mitchell.

FrasiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • [Parlando dei giovani newyorkesi] L'11 settembre è l'unica cosa vera che gli sia mai capitata. (Justin Bond)
  • Stasera c'è una rassegna di film noiosi da morire. Ma trovo che più sono noiosi più la gente si reputa intelligente perché li guarda. (Justin Bond)
  • Passo metà del mio tempo a spompinare la polizia per tenere aperto questo posto! A mala pena ho tempo per me! (Justin Bond)
  • Perché non entri a dare un'occhiata? Dopotutto il voyeurismo è partecipazione! (Creamy)
  • Sai, sono quasi un supereroe dell'orgasmo. (Shabbos Goy)
  • Si chiama "Ode alla secrezione femminile" e si articola in cinque movimenti diversi: lubrificazione, lattazione, eiaculazione – il mio preferito –, poi urinazione e mestruazione. (Shabbos Goy)
  • Sai uso il sangue mestruale per truccarmi in scena. Gli assorbenti li tiro fuori appena usati e a fine giornata li uso come rossetto. (Shabbos Goy)
  • Sai qual è la cosa più meravigliosa di New York? [...] Che ci vengono tutti a farsi scopare. No, sul serio! È uno degli ultimi posti dove la gente è ancora disposta ad aprirsi per accettare il nuovo. Ed il vecchio. I newyorkesi sono permeabili. [...] Perciò siamo sani di mente, di conseguenza siamo il bersaglio dei non permeabili e dei non sani di mente. Ovviamente New York è dove tutti arrivano per farsi perdonare. (Tobias)
  • Come negli anni 70. Solo con meno speranza. (Justin Bond)
  • Oh, per un attimo ho pensato che quell'uomo non avesse un braccio! (Justin Bond)
  • Io ripenso alle cose che ho scritto quando avevo dodic'anni. Sto ancora cercando le stesse cose. (James)

DialoghiModifica

  Citazioni in ordine temporale.

  • Sofia: È che... Sono preorgasmica.
    Jamie: Significa che stai per averne uno?
    Sofia: No, non ne ho mai avuto uno.
  • Shabbos Goy: Sono Shabbos Goy, sono elettricista. E posso aoitarti ad accendere le tue luci.
    Sofia: Ho i fili scoperti...
  • Sofia: Una domanda. Voglio sapere com'è stato il vostro più bell'orgasmo fino ad ora.
    Una donna: Benvenute alla TV delle donne. Oggi la fica in diretta.
    Jid: Vi sembrerà melenso, ma mi sentivo come se stessi spruzzando energia creativa nel mondo e si univa all'energia degli altri e poi non c'erano più guerre e c'era la pace.
    [...]
    Bitch: Il mio è stato sicuramente con Little Prince. Abbiamo avuto un contatto incredibile. L'abbiamo fatto molto lentamente, tranquille. E ho sentito che finalmente non ero sola.
    Little Prince: Il mio è stato come se parlassi con gli dei o chi per loro.
    [...]
    Jid: Sofia, se non hai mai avuto un orgasmo, allora... cioè, com'è... per te fare sesso?
    Sofia: Fantastico!
    Jid: Sì?
    Sofia: Sì! Oddio... Il sesso è davvero meraviglioso!
    Jid: Ah, sì!
    Sofia: Adoro il sesso! Lo sappiamo tutte, no? Sappiamo tutte che il sesso è magnifico.
    Jid: Sì, è splendido.
    Sofia: E l'adoro. L'adoro. Un sacco. È un ottimo allenamento. Fa bene. E adoro, sapete, amare mio marito. È solo, ecco, che capitano delle volte in cui ti senti addosso tanta pressione, diventa tipo... Ah! Ti senti un pochino... Ah, come, come se qualcuno mi stesse ammazzando. E devo solo sorridere e far finta di godere. Così posso sopravvivere.
  • James: È la prima volta che qualcuno ti canta l'inno nazionale nel culo?
    Ceth: No.
  • Sofia: Il 70% delle donne non raggiunge l'orgasmo.
    Severin: Il 70% degli uomini è stronzo.
  • Caleb: Da quanto lo stai progettando? Cos'è? Era da sei mesi che preparavi la "cassetta del suicidio"?
    James: Volevo che lui sapesse che non era colpa sua.
    Caleb: Jamie ti ama, tu hai così tanto...
    James: Lo so. Lo vedo. Tutto intorno a me. Ma si ferma alla mia pelle. Non riesco a farlo entrare. È sempre stato così e sarà sempre così. Riesco a sentirlo per brevi momenti con Jamie perché mi ama con tanta intensità. La stessa che avevano quelle persone che mi trattavano di merda.

Altri progettiModifica