Scott Heim

scrittore statunitense

Scott Heim (1966 — vivente), scrittore statunitense.

Scott Heim

Incipit di Le sparizioniModifica

Le bambine che trovarono il corpo del ragazzo scomparso non erano angeli, anche se era così che il giornale le aveva descritte, la mattina dopo, sotto i titoli di testa. Avevo visto la foto, dopo tutto, e le sette bambine erano solo bambine. Non avevano aureole o ali trasparenti. Non emanavano un calore celeste e non avevano visi dolci e lisci, sfiorati ciascuno da labbra divine. Quel che avevano, invece, erano pantaloni e stivali sporchi di fango; giubbotti dai colori vivaci, abbottonati per ripararsi dal vento di una gita domenicale; targhette con il loro nome vergato quella mattina stessa, in una grafia frettolosa, dal catechista alla Chiesa luterana. Teresa e Joy, Maura Kay, Mary Anne. Due Jennifer e una Missy. Quando chiudo gli occhi vedo di fronte a me le bambine che si fanno indietro, formando un semicerchio irregolare, mentre il corpo del ragazzo ucciso, le sue ossa e i pantaloni di flanella stracciati, alterano per sempre le loro vite. Le mani giunte goffamente in preghiera. Le sette bocche che formano un coro di oh silenziosi.

BibliografiaModifica

  • Scott Heim, Le sparizioni, traduzione di Luca Briasco, Neri Pozza, 2008. ISBN 9788854502659

Altri progettiModifica