Sarah Waters

scrittrice gallese

Sarah Waters (1966 — vivente), scrittrice britannica.

Sarah Waters

Incipit di alcune opereModifica

Carezze di vellutoModifica

Avete mai assaggiato un'ostrica di Whitstable? Se lo avete fatto, ve ne ricorderete di certo?[1]

L'ospiteModifica

Avevo dieci anni quando vidi Hundreds Hall per la prima volta. Era l'estate dopo la guerra e gli Ayres erano ancora una famiglia importante della zona, con gran parte del patrimonio ancora intatto. Si festeggiava la Giornata dell'Impero: ero in riga con gli altri bambini del villaggio a fare il saluto del boy scout mentre la signora Ayres e il Colonnello ci passavano in rassegna consegnandoci le medaglie ricordo. Subito dopo andammo a sederci con i nostri genitori ai lunghi tavoli allestiti per il rinfresco su quello che immagino fosse il prato sud. La signora Ayres avrà avuto ventiquattro o venticinque anni, suo marito qualcuno di più; la loro piccola Susan all'incirca sei. Dovevano sembrare una gran bella famiglia, ma di loro conservo un ricordo molto vago. La casa invece me la ricordo benissimo, perché ai miei occhi era apparsa come un vero palazzo. Ricordo i graziosi particolari segnati dal tempo: i mattoni rossi consumati, i vetri delle finestre incurvati, le modanature di arenaria erose dalle intemperie. Davano all'edificio un'aria confusa e leggermente malsicura... come un gelato, pensai, che comincia a sciogliersi al sole.

LadraModifica

Il mio nome, in quei giorni, era Susan Trinder. La gente mi chiamava Sue.[1]

NoteModifica

  1. a b Citato in Giacomo Papi, Federica Presutto, Riccardo Renzi, Antonio Stella, Incipit, Skira, 2018. ISBN 9788857238937

BibliografiaModifica

  • Sarah Waters, L'ospite, traduzione di Maurizio Bartocci, Ponte alle Grazie, 2009. ISBN 8862200838

Altri progettiModifica

OpereModifica