Sara Northrup Hollister

Sara Elizabeth Bruce Northrup Hollister (1924 – 1997), occultista statunitense, seconda moglie di L. Ron Hubbard.

Sara Northrup Hollister nel 1967.

Citazioni di Sara Northrup HollisterModifica

  • [L. Ron Hubbard] disse molte volte che l'unico modo per fare soldi veri era la religione. È quello che cercava di fare con Dianetics: fondare una religione che gli garantisse un reddito che il governo non potesse sottrargli attraverso le tasse.[1] (dal documentario Going Clear, 2015)
  • [Su L. Ron Hubbard] Lui cominciò a credere di essere un salvatore, un eroe, di essere davvero questa figura divina. Era convinto di possedere la cura per le malattie psicologiche del genere umano e che l'unico motivo per cui essa non venisse diffusa largamente era che la professione medica aveva un interesse economico nel mantenere le persone malate. Credo temesse che qualche psichiatra lo sbattesse in un istituto. Degenerò in una persona paranoica e terrificante.[1] (dal documentario Going Clear, 2015)
  • Io sottoscritta Sara Northrup Hubbard qui affermo che le cose che ho detto in tribunale e sulla stampa contro L. Ron Hubbard erano enormemente esagerate, o interamente false.
    Non ho mai creduto che L. Ron Hubbard fosse altro che un uomo gentile e brillante.
    Rendo questa dichiarazione di mia spontanea volontà, perché mi sono resa conto che quanto ho fatto può aver danneggiato la scienza di Dianetics, che secondo il mio meditato parere può essere l'unica speranza per la sanità mentale delle generazioni future.
    Mi trovavo sotto enorme stress e i miei consiglieri insistevano che agissi nel modo in cui ho agito. Non esistono altri motivi per questa dichiarazione se non il mio desiderio di espiare al danno che posso aver causato. Spero in futuro di condurre un'esistenza tranquilla e regolare con mia figlia, lontano dalle influenze inturbolatrici che hanno rovinato il mio matrimonio.
    Sara Northrup Hubbard[2]

Da Sara racconta

Intervista di Bent Corydon, 1986, riportato in Bent Corydon e Ronald DeWolf, Messia o pazzo?, 1987, traduzione di Simonetta Po, 2003-2004.

  • Ron non riusciva a reggere lo stress. Sotto stress usciva di testa. Aveva un carattere estremamente violento. Ma riusciva anche ad essere estremamente affascinante. Si mostrava molto affascinante di fronte a qualcuno, poi non appena questi se ne andava usciva con battute al vetriolo contro la persona con cui aveva fatto sfoggio del suo charme.
    Quando teneva le conferenze mostrava sempre il lato affascinante di sé... a vederlo sul palco non avresti mai detto che fosse un uomo così pieno di problemi.
  • Ron faceva uso di un sacco di farmaci e vitamine, e di forti dosi di testosterone (ormoni maschili). Ricorreva all'automedicazione e ne era molto orgoglioso. Ma la stragrande maggioranza dei suoi seguaci dianeticisti non immaginò mai nemmeno lontanamente le sue inclinazioni in questo senso.
  • Il fatto è che fisicamente era un caso da manuale. Ero un caso psicosomatico. Poteva rimanere cieco in qualsiasi momento della giornata. Aveva questi tremendi accessi d'ira e il suo sistema andava completamente in tilt.
    A volte camminava usando un bastone. Era tutto psicosomatico. In lui non c'era davvero nulla che non andasse.
  • Tanto del linguaggio scientifico che Ron ha usato in Dianetics e Scientology proviene probabilmente dai corsi di ingegneria che fece durante la sua breve esperienza universitaria a Washington. Fallì quei corsi abbastanza miseramente. Era troppo incostante. Troppo nevrotico per star seduto e studiare. Non approfondì mai realmente qualcosa.
    Ne assumeva semplicemente il gergo. Era un dilettante.
    Tuttavia sotto certi aspetti era un uomo estremamente capace. Ma emotivamente era profondamente disturbato. Il successo lo stressava. Pensavo che dovevo stare con lui nonostante la sua pazzia. Avevo questa idea di dover essere responsabile per lui. Avrei dovuto lasciarlo molto prima. Non riesco a credere di essere stata con lui cinque anni!

NoteModifica

  1. a b L'11 giugno 1951 Sara Northrup sottoscrive una dichiarazione per il tribunale ed i giornali in cui ritratta tutte le sue accuse rivolte a L. Ron Hubbard, dichiarando di aver mentito. Si tratta di un Affidavit in lingua inglese depositato presso la Los Angeles Superior Court, relativo alla causa di divorzio iniziata con procedimento N.° D414498, 23 aprile 1951. Cfr. Russell Miller, Il Volto Nudo del Messia: La Vera Storia di L. Ron Hubbard, 1988, traduzione di Simonetta Po, 2001.
  2. Citato in Russell Miller, Il Volto Nudo del Messia: La Vera Storia di L. Ron Hubbard, 1988, traduzione di Simonetta Po, 2001.
    Lo scrittore commenta in Cap. 11 – Conti in banca e bancarotta: La lettera fu probabilmente scritta da Hubbard, di cui porta tutti i segni distintivi fino all'uso di una delle parole di sua invenzione: "inturbolare". Per Hubbard la lingua inglese non era sufficientemente ricca e diversificata, e spesso creava parole nuove per compensare le inadeguatezze - "inturbolare" era il neologismo di "portare ad uno stato confuso".

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica