Inghilfredi

poeta italiano
(Reindirizzamento da Sì alto intendimento)

Inghilfredi (... – XIII secolo), poeta italiano.

Incipit di alcune opereModifica

Audite forte cosa che m'aveneModifica

Audite forte cosa che m'avene:
eo vivo in pene stando in allegranza,
saccio ch'io amo e sono amato bene
da quella che mi tene in disïanza.

Caunoscenza penosa e angosciosaModifica

Caunoscenza penosa e angosciosa
as[s]ai se[i] più che morte naturale,
al mio parire;
fus[s]i gioiosa tanto e amorosa,
cum cui tu gissi, mai sentiria male
senza fallire

Del meo voler dir l'ombraModifica

Del meo voler dir l'ombra
cominzo scura rima.
Como di dui congiunti Amor mi 'nungla,
sì natural m'adombra
in lavoreo e rima,
essendo due, semo un com' carne ed ungla.

Dogliosamente e con gran malenanzaModifica

Dogliosamente e con gran malenanza
conven chio canti e mostri mia grameza,
ca per servire sono in disperanza:
la mia fede m'à tolta l'allegreza.

Greve puot'om piacere a tutta genteModifica

Greve puot'om piacere a tutta gente,
perch'eo parlo dottoso
e sì come om che vive in grande erranza,
poi veo saglire inganno malamente
di tal guisa odioso,
cui no 'l com[m]ise è data pesanza

Poi la noiosa erranza m'à sorprisoModifica

Poi la noiosa erranza m'à sorpriso
e sagiato di sì crudel conforto,
voglio mostrare qual è 'l mio coragio,
ch'eo sono in parte di tal logo miso
ch'eo son disceso e non son giunto a porto

Sì alto intendimentoModifica

Sì alto intendimento
m'ave donato Amore,
ch'eo non sac[c]io invenire
in che guisa possa merzé trovare.

BibliografiaModifica

  • Inghilfredi, Audite forte cosa che m'avene, Caunoscenza penosa e angosciosa, Del meo voler dir l'ombra, Dogliosamente e con gran malenanza, Greve puot'om piacere a tutta gente, Poi la noiosa erranza m'à sorpriso, Sì alto intendimento, in "Rimatori della scuola siciliana", a cura di Bruno Panvini, Olschki, Firenze, 1962 e 1964.

Altri progettiModifica