Pietro Fullone

poeta e letterato italiano

Pietro Fullone, conosciuto popolarmente come Petru Fudduni (1600 circa – 1670), letterato e poeta italiano.

Citazioni di Pietro FulloneModifica

  • Occhi, mentri a la cruci vi girati, | Unni penni lu Diu, ch'offisu aviti, | Chi manna vivi fonti esterminati | Di sangu pri li soi larghi firiti, | D'amaru chiantu dui fonti sgurgiati |Poichì tantu spittaculu viditi; | Muvitivi muvitivi a pietati, | Occhi, nun siti mei si nun chianciti.[1]

Citazioni su Pietro FulloneModifica

  • Girannu cu na' bozza picciridda, | Ja baniannu cu li gotti in manu: | Acqua cu lu zammù l'aju fridda | Jeu vitti lu me paisanu, | L'abbrazzai, lu vasai 'n'tra 'na mascidda; | Iddu mi detti a biviri, e cuntenti | Mi fici di li middi cumplimenti. (Giovanni Meli)
  • Il Fullone del popolo è un facilissimo improvvisatore, che manifesta in un verso solo ogni suo giudizio ed esaurisce in un'ottava interi concetti; l'altro un poeta di riflessione, che conosce e adopera come ogni altro letterato la forma nobile e dignitosa. (Giuseppe Pitrè)

NoteModifica

  1. Da Pi Gristu in cruci, citato in Puisì e Cuntrasti in Sicilianu, Illustrazioni di Mario Viola, Antares Editrice, Palermo, 1995, p. 48.

Altri progettiModifica