Apri il menu principale

Paradiso amaro

film del 2011 diretto da Alexander Payne

Paradiso amaro

Questa voce non contiene l'immagine di copertina. Per favore aggiungila, se puoi. :)
Titolo originale

The Descendants

Lingua originale inglese
Paese USA
Anno 2011
Genere commedia drammatica
Regia Alexander Payne
Soggetto Kaui Hart Hemmings (romanzo)
Sceneggiatura Alexander Payne, Nat Faxon, Jim Rash
Produttore Alexander Payne, Jim Taylor, Jim Taylor
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Note
  • Vincitore del Premio Oscar (2012) per la migliore sceneggiatura non originale

Paradiso amaro, film statunitense del 2011 con George Clooney, regia di Alexander Payne.

FrasiModifica

  • Dai ai tuoi figli abbastanza soldi per fare qualcosa ma non abbastanza per non fare niente. (Matt King)
  • I miei amici sul continente credono che solo perché abito alle Hawaii, io viva in paradiso. Come fossi in una vacanza permanente, pensano che qui passiamo il tempo a bere Mai Tai, a ballare l'hula hula e fare surf. Ma sono pazzi. Credono che siamo immuni alla vita. Come possono pensare che le nostre famiglie abbiano meno problemi? Che i nostri cancri siano meno mortali? I nostri drammi meno dolorosi? Sono quindici anni che non salgo su una tavola da surf. Negli ultimi ventitré giorni ho vissuto in un paradiso fatto di flebo, sacche di urina e tubi endotracheali. Il paradiso? Il paradiso può andare a farsi fottere. (Matt King)
  • Mi sembra naturale che una delle mie figlie sia su un'altra isola. Una famiglia in fondo sembra esattamente un arcipelago: sono tutti parte dello stesso insieme, ma separati e soli. E lentamente, si allontanano sempre di piú... (Matt King)
  • Stavi per chiedermi il divorzio così potevi stare con quel testa di cazzo di Brian Speer?! Mi prendevi in giro?! Chi sei tu? L'unica cosa che so per certo è che sei una bugiarda. Cos'hai da dire in tua difesa? Su, perché non mi prendi un po' per il culo? E mi dici che ho capito male, che non è vero. Dimmi ancora una volta che non sono mai in contatto con i miei sentimenti e che ho bisogno di andare in terapia! Lo scopo del matrimonio non sarebbe quello di rendere la vita del tuo compagno un po' più semplice? Per me è sempre stata più difficile con te, e ancora adesso me la stai complicando! Sdraiata lì col respiratore a fottermi il resto della vita, tu sei senza pietà! Lo sai, lo chiederò io il divorzio uno di questi giorni. (Matt King)

Altri progettiModifica