Paolo Fresu

compositore e trombettista italiano

Paolo Fresu (1961 – vivente), flicornista e trombettista italiano.

  • Ciò che ha lasciato Cage come artista è una linea sonora che attraversa il tempo tagliando lo spazio in due, in quattro, in multipli da ricomporre nelle galassie e nei buchi neri che sono bui come la notte e luminosi come una cometa. Cage è stato una meteora. Un Big Bang che ha stravolto il contemporaneo non ancora ricomposto.[1]
Paolo Fresu nel 2010

Da Paolo Fresu. Fare comunità nel segno del jazz

Intervista di Maurizio Torretti, Altraeconomia.it, 31 ottobre 2016

  • Il jazz è libertà espressiva, improvvisazione, sperimentazione, ricerca. Forse la musica più sfuggente del Novecento e quella che si schiude a tutte le contaminazioni.
  • Mi è sempre piaciuto scrivere. Ho iniziato con brevi testi, poesie, prefazioni per libri e cataloghi, articoli e liner notes per i cd degli amici. Credo che scrivere sia una prerogativa dei sardi che si raccontano ancora con la poesia improvvisata e con le quartine in limba. Qualche anno fa ho iniziato ad annotare pensieri ed esperienze personali. Proprio in quel periodo la Feltrinelli mi chiese di scrivere qualcosa e così ho cominciato a lavorare sui miei appunti che poi sono diventati "Musica dentro". È stata una bizzarra e felice concomitanza che mi ha permesso di raccontarmi.
  • La musica è uno straordinario veicolo per crescere e contribuire alla costruzione di un mondo migliore. Ambiente, sostenibilità e coscienza politica sono alcune delle cose in cui credo profondamente e come musicista mi impegno affinché la musica diventi un tramite per mettere in atto delle buone pratiche.

NoteModifica

  1. Citato nell'interno della rivista diaforia n. 8, 10 aprile 2012

Altri progettiModifica