Apri il menu principale

Wikiquote β

Pallacanestro Varese

squadra di pallacanestro di Varese
Pallacanestro Varese

Citazioni sulla Pallacanestro Varese.

  • Avevamo tanti campioni, da Bob Morse a Manuel Raga, ma chi ha sempre fatto la differenza è stato Dino Meneghin. Con tutti c'era una grande amicizia, la nostra forza era proprio quella. Ci volevamo davvero bene. Pensi che ho anche chiamato mio figlio Emanuele come Raga. In campo davamo l'anima l'uno per l'altro. (Aldo Ossola)
  • [Nel 2016] Il basket è nel Dna della città e lavorando bene potremo riportare la squadra ad alto livello, coppe incluse. (Antonio Bulgheroni)
  • La gente che riempiva il palasport di Masnago sapeva essere bollente quando si trattava di fare il tifo. Poi però, fuori da là, ha dimostrato di essere molto attenta, protettiva, rispettosa. (Bob Morse)
  • La Ignis è stata una bella palestra culturale, non solo sportiva. (Bob Morse)
  • Ogni qualvolta io viaggio per l'Europa, mi capita spesso di incontrare qualche spagnolo, qualche greco oppure qualche israeliano che mi riconosce, mi ferma e mi chiede della Ignis Varese. Ricordano ancora le nostre partite, Varese è nell'immaginario di molte persone della nostra età. La città è rimasta nella storia sportiva ed è sempre un piacere ricordare. (Dino Meneghin)
  • Pallacanestro Varese è una realtà non solo sportiva, ma anche sociale: è importante per tutto il territorio e per ciò che gravita attorno. (Antonio Bulgheroni)
  • Ricordo sempre quel treno di tifosi quando vincemmo a Roma lo spareggio scudetto contro il Simmenthal Milano nel 1971. Senza dimenticare il trionfo in Coppa dei Campioni l'anno prima a Sarajevo contro il Cska Mosca. Però le coppe potevano essere molte di più. E che delusione soprattutto la rivincita col Cska, la finale persa ad Anversa nel 1971. Un'altra pagina triste fu quella in casa col Maccabi Tel Aviv, quando quattro teste calde sugli spalti li accolsero con slogan e croci naziste. Noi giocatori quando ce ne accorgemmo andammo a chiedere scusa agli israeliani e da allora con molti di loro è nata anche una fraterna amicizia. (Aldo Ossola)
  • Tornare a Varese per me è come tornare a casa, nel vero senso della parola. La mia famiglia vive lì, lì io ho vissuto i momenti più intensi della mia carriera da giocatore. Ci sono cose che non si possono descrivere, che devi viverle per sentirle sulla pelle. (Romeo Sacchetti)

Altri progettiModifica